stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Palermo, il Comune non farà sconti ai contribuenti che hanno debiti inferiori a mille euro
CARTELLE

Palermo, il Comune non farà sconti ai contribuenti che hanno debiti inferiori a mille euro

Si tratta però di crediti datati (dal 2000 al 2015) e di difficile esigibilità per 222 milioni

Niente da fare. L'amministrazione guidata da Roberto Lagalla non vuole perdere quelle somme. Forse non può privarsi nemmeno della possibilità di incassare 222 milioni di euro, trovandosi in procedura di riequilibrio. Benché si tratti di cartelle esattoriali affidate all'agente della riscossione e che vanno dal 2000 al 2015, quindi vecchie e di difficile e costosa esigibilità, Palazzo delle Aquile ha detto di no e ha utilizzato così la facoltà che la norma nazionale offre agli enti locali entro la fine del mese, quella di decidere se aderire all'annullamento d'ufficio delle cartelle emesse nell'arco temporale di 15 anni, purché inferiori a mille euro.

Un servizio completo sul Giornale di Sicilia in edicola oggi

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X