stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Proroga degli incarichi illegittima, condannato il Comune di Palermo
GIUDICE DEL LAVORO

Proroga degli incarichi illegittima, condannato il Comune di Palermo

Palermo, Politica
Palazzo delle Aquile

La proroga degli incarichi della posizione organizzativa disposta dal Comune di Palermo dall’ex amministrazione Orlando nel giugno 2017 è illegittima. A stabilirlo il giudice del lavoro che ha accolto il ricorso proposto da sei funzionari del Comune di Palermo, difesi dallo Studio legale Leone-Fell & Co. e ha condannato il Comune di Palermo a pagare 80 mila euro in favore dei ricorrenti della rispettiva indennità di posizione sino al 20 maggio del 2019.

Sei funzionari del comune di Palermo, già titolari di incarichi di posizione organizzativa si sono visti dapprima «prorogare» le nomine dal 2015 con la precisazione che la proroga doveva considerarsi risolutivamente condizionata «alla decorrenza degli incarichi dirigenziali che saranno conferiti e confermati dallo scrivente sulla base dell’eventuale ridefinizione dell’assetto organizzativo degli Uffici e Servizi». Con la nuova organizzazione nel 2017 hanno ricevuto la comunicazione di avvenuta cessazione degli incarichi a far data dal gennaio 2018. Una decisione illegittima visto che la nomina doveva terminare nel 2019.

«La «proroga» - spiegano i legali Francesco Leone, Simona Fell e Pierluigi Fauzia che hanno difeso i funzionari comunali - è stata adottata dal Comune di Palermo successivamente alla scadenza degli incarichi già affidati ai ricorrenti e costituiva, in realtà, un «rinnovo» che, come previsto dalla contrattazione collettiva e dai regolamenti di Palazzo delle Aquile, doveva avvenire a termine e dunque fino al 20 maggio 2019, data sino alla quale essi devono essere retribuiti». Gli altri funzionari che si trovano nelle medesime condizioni possono ancora contestare l’operato del Comune di Palermo e ottenere il dovuto risarcimento. Ma i termini per poter agire sono stretti, si potrà proporre ricorso entro e non oltre il 29 dicembre 2022, causa prescrizione.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X