stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Il concorsone della Regione Siciliana, 194 mila domande per 1.170 assunzioni
PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Il concorsone della Regione Siciliana, 194 mila domande per 1.170 assunzioni

di
Partecipazione massiccia, soprattutto per i Centri per l'impego e per il Corpo forestale
Palermo, Politica
Il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci

È una carica di quasi 200 mila candidati (194.077 le domande presentate alla scadenza dei termini, fissata venerdì) che si presenteranno per uno dei 1.170 posti di lavoro a tempo indeterminato alla Regione Siciliana. Nelle 24 ore precedenti alla scadenza dei termini sono giunte 20 mila domande.

Sarà uno dei concorsi maggiormente partecipati degli ultimi tempi e l’amministrazione si prepara per organizzare al meglio la prova. In tutto si tratta di cinque concorsi per 1.170 nuove unità di personale: 1.024 tra laureati e diplomati destinati a potenziare i Centri per l’impiego, 100 laureati per coprire il turn over all’interno dell’amministrazione regionale, 46 nuovi agenti del Corpo forestale. Delle domande presentate 21 mila sono quelle per il Corpo forestale, 104 mila per i centri per l’impiego.

«Si tratta di dati significativi - commenta l’assessore alla funzione pubblica Marco Zambuto - che danno la misura della fame di lavoro che c’è in Sicilia, dopo 30 anni la Regione torna a bandire dei concorsi e la risposta è stata notevole». Basta fare un confronto con i numeri di altri concorsi su base nazionale per comprendere l’ordine delle cifre della Regione che riapre alle assunzioni per la prima volta dagli anni Novanta: 81 mila sono state le domande per 2.800 tecnici nelle amministrazioni comunali (20 mila solo dalla Sicilia) e 430 mila quelle per insegnanti di scuole medie e superiori per 33 mila cattedre.

Un cammino di rinnovamento dell’amministrazione che non si ferma qui. «Siamo impegnati a modificare l’accordo Stato-Regione per nuovi inserimenti ma anche nella formazione del personale», spiega ancora l’esponente della giunta Musumeci.

Nel frattempo la Regione ha concluso l’iter per rinnovare il contratto dei dirigenti, mentre è al lavoro per quello del comparto. Già espletate, ancora, le procedure per 83 esperti a sostegno delle misure del Pnrr all’interno della amministrazione, mentre a breve arriverà il nuovo bando per 300 esperti da destinare ai Comuni sempre per il sostegno al Piano nazionale di resilienza. Prossimi passi per l’iter concorsuale sarà la nomina delle commissioni e delle sottocommissioni «pensiamo cinque o anche di più spiega Zambuto».

Poici sarà da trovare luoghi idonei per ospitare le prove. «Siamo in ricerca», conferma Zambuto. Paura di ricorsi? «Noi andiamo avanti, già ci sarebbero stati». I vincitori dei concorsi saranno scelti in base al decreto legge Brunetta, ovvero con una valutazione dei titoli e una prova. «L'amministrazione regionale - ha commentato nei giorni scorsi il presidente della Regione, Nello Musumeci - ha bisogno di ringiovanire le fila, l’età media dei più giovani è di 56-57 anni. Servono giovani carichi di adrenalina, vogliosi di scommettersi e competere. È un obiettivo che tutti stiamo perseguendo, con gli assessori competenti, perché vogliamo che la Regione abbia lo strumento essenziale per avviare e completare il processo di rivincita, rinascita e sviluppo di questa terra dopo tanti anni di rassegnazione».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X