OK DALLA GIUNTA

Comune di Palermo, torna la figura del direttore generale. Al via la riorganizzazione negli uffici

di

Il Comune di Palermo tornerà ad avere la figura del direttore generale, ruolo che sarà affidato al segretario Antonio Le Donne. Questa la prima e importante novità approvata ieri dalla giunta all'interno di una più complessiva riorganizzazione.

La "rivoluzione" sarà operativa dal primo giugno prossimo e non ci saranno cambiamenti fino al termine del mandato del sindaco Orlando.

La riorganizzazione  prevede 8 aree, ognuna delle quali risponde direttamente a un assessorato. Oltre all'area Polizia Municipale, ci sarà quella delle Culture; area dell'Educazione, Formazione e Politiche Giovanili; area della Cittadinanza; area della Ragioneria Generale, Tributi, Patrimonio e Partecipate; area dello Sviluppo Economico; area tecnica della Rigenerazione urbana e delle Opere pubbliche; area della Pianificazione urbanistica; area del Decoro urbano e del Verde. Più quella della Polizia Municipale.

Sono stati costituiti tre servizi dirigenziali per assicurare un coordinamento diretto con gli assessori: la già esistente Innovazione sarà potenziata e in più ci saranno Protezione Civile e Statistica. Anche sul controllo delle società partecipate ci sono novità: il direttore generale si occuperà di controllo della gestione aziendale, qualità dei servizi, verifica di bilancio, risorse umane; i capi area competenti per ambito d’intervento dell'impostazione strategica e del controllo analogo; i servizi dirigenziali dei contratti di servizio.

"Credo utile sottolineare che la giunta ha esplicitamente rimarcato l'importanza della rapida ricostituzione delle posizioni organizzative che sono elemento importante della operatività dell'intera struttura", ha dichiarato l'assessore al Personale, Fabio Giambrone.

Al Suap tornano le competenze su Suolo pubblico e Pubblicità ed è previsto un dirigente ai mercati generali. Al capo di gabinetto Sviluppo strategico, la Statistica, il Turismo, lo Sport, il Cerimoniale, la Comunicazione e i rapporti con Sispi. Alla Mobilità nasce, invece, uno specifico servizio per il tram.

I nomi sono top secret ma ci sono delle indiscrezioni. Dovrebbero rimanere al loro posto l’avvocato capo, Giulio Geraci e il ragioniere Paolo Bohuslav Basile. Nella Polizia municipale, Luigi Galatioto dovrebbe essere il comandante e Gabriele Marchese spostato al Sociale, Anagrafe, case popolari e beni confiscati. Sergio Maneri dovrebbe essere capoarea alla Pianificazione urbanistica, Maria Mandalà invece ai Tributi, Nicola Di Bartolomeo dovrebbe diventare il capoarea delle Opere pubbliche e presumibilmente l’interim dell’Urbanistica per la firma del nuovo Piano regolatore. Al Suap possibile Roberto Raineri mentr ea capo del Decoro urbano e Verde, Domenico Musacchia.

Cambiamenti anche per il settore delle gare e dei contratti, che diventerà una unità. Prevista anche una riduzione dei posti in organico dei dirigenti che, nel corso del prossimo triennio, passeranno da 91 a 80.

La dotazione prevede nuove professionalità per cui, a regime, ci saranno 34 dirigenti amministrativi, 15 dirigenti avvocati, 12 dirigenti tecnici, 8 dirigenti contabili, 3 dirigenti culturali, 2 dirigenti area vigilanza, 1 dirigente agronomo, 1 dirigente tecnico ambientale, 1 dirigente informatico, 1 dirigente economista, 1 dirigente dei servizi sociali, 1 dirigente statistico. La riduzione dell'organico avverrà con la progressiva cessazione dal servizio del relativo titolare e quindi non verranno sostituiti.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X