stampa
Dimensione testo
TRA CIMINNA E MEZZOJUSO

Impianti solari, un parere blocca il progetto da 65 milioni

di
Si tratta di tre impianti solari termodinamici a basso impatto ecologico, ideati da due società siciliane. Si creerebbero 300 posti di lavoro

PALERMO. Hanno i soldi delle banche. I progetti pronti per essere realizzati. Un investimento che in un anno potrebbe creare 300 posti di lavoro per la costruzione di impianti solari termici.
Alla fine si creerebbero 60 posti fissi per almeno 40 anni. E alcuni paesi potrebbero avere l’energia dal sole. Quello che in altre nazioni come la Spagna è realtà, qui in Sicilia la terra del sole è tutto fermo per un parere. Un parere che dovrebbe dare l’assessorato al Territorio e Ambiente in un momento in cui il piano energetico regionale è stato annullato dalla mannaia dei giudici amministrativi. L’investimento è importante 65 milioni di euro.

Tutti soldi messi in campo da una società che vorrebbe costruire tre impianti solari termodinamici, a basso impatto ambientale e ad alto livello tecnologico, che dovrebbero sorgere a Ciminna e a Mezzojuso.
Dietro i progetti ci sono due società siciliane, le Officine solari Buonarroti e la Bilancia Pv. Società che possono contare un importante gruppo imprenditoriale italiano di big del settore.

I lavori di costruzione partirebbero a gennaio e si completerebbero entro un anno circa. A fine 2015, poi, partirebbero le assunzioni a tempo indeterminato di 30 persone tra tecnici, elettricisti, ingegneri, oltre che un’altra trentina di figure per l’indotto che si occuperebbero della manutenzione degli impianti e della sicurezza.

ALTRE NOTIZIE NELLE PAGINE DEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X