LA DENUNCIA

M5S: "Rap in esubero, ma il Comune trasferisce 320 dipendenti Gesip"

Il deputato Cinquestelle alla Camera, Riccardo Nuti, spara a zero sul piano di salvataggio dei dipendenti della partecipata, che prevede un esodo massiccio verso la società dei rifiuti di Palermo

PALERMO. Il deputato Cinquestelle alla Camera, Riccardo Nuti, spara a zero sul piano di salvataggio dei dipendenti della partecipata, che prevede  un esodo massiccio verso la società dei rifiuti di Palermo, “che non ha bisogno di nuove braccia. Non siamo noi a dirlo ma i vertici dell’azienda che lo hanno ammesso nel corso della nostra recente ispezione a Bellolampo. Ma non fa nulla,  tanto pagano i cittadini”.

"La Rap non sa che farsene di nuovo personale, ne ha in eccesso." Lo hanno ammesso i vertici  della municipalizzata in occasione della recente ispezione a Bellolampo.  Il Comune inserisce altri 320 dipendenti  Gesip. " Se non siamo alla follia, poco ci manca. Ma non fa nulla, tanto, come sempre, pagano i cittadini" - continuano. Il progetto del Comune mira a salvare i dipendenti Gesip dal licenziamento, trasferendoli nelle altre società partecipate, Rap e Amat, in primis. "La diluizione della Gesip nelle partecipate – afferma Nuti - costerebbe al Comune quasi 30 milioni all’anno. Sarebbe la pietra tombale  sui già comatosi servizi pubblici della città. Trasformare un carrozzone in 3-4 carrozzoni non è accettabile, sopratutto se questi si vogliono pagare con i soldi dei cittadini e se le società d’arrivo non hanno bisogno di nuovo personale.  Se Orlando vuole assicurare una retribuzione al personale Gesip, lo faccia con il suo stipendio e col suo patrimonio. La Gesip ha rappresentato uno dei più grandi scandali di questa città, nato dalle cooperative create da Orlando e foraggiato negli anni successivi da clientele e sprechi inauditi. E tutto in contropartita di servizi pressoché inesistenti".

La questione degli esuberi alla Rap era già emersa a settembre scorso, in occasione della visita a Bellolampo  di alcuni deputati alla Camera e all’Ars del Movimento 5 Stelle, quando i vertici della municipalizzata misero l’accento sull’aspetto “eccedenze” di personale.

“Ci dissero – afferma Nuti - che il precedente trasferimento di nuovo personale alla Rap era stata una manovra  voluta dal Comune, ma che si stava lavorando per razionalizzare gli incarichi per  ridistribuire i compiti.  Un’operazione, quest'ultima,  che, alla luce dell’annunciato arrivo del nuovo mini-esercito, ci ora pare ora ai limiti dell’impossibile, a meno che non si pensi di piazzare un netturbino ogni cento metri e di passare a cera tutti i marciapiedi della città”.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X