stampa
Dimensione testo

Mangiare e bere

Home Cultura Mangiare e bere Giuliana, il ritorno dello Sfincione dolce dopo 30 anni di oblio
NEL WEEK-END

Giuliana, il ritorno dello Sfincione dolce dopo 30 anni di oblio

Palermo, Mangiare e bere
Lo sfincione dolce

Il ritorno dello Sfincione Dolce dopo circa trent’anni di oblio. Eh sì, perché a Giuliana, il bel borgo in provincia di Palermo, poco meno di duemila abitanti, a 750 metri sul livello del mare, lo sfincione non è salato – né bianco, né rosso –, ma dolce al palato con la sua soffice pasta cotta al forno ed il morbido ripieno di crema di ricotta rigorosamente di pecora, condita con scaglie di cioccolato e spolverata di cannella.

A Giuliana, un tempo, era il dolce tipico della domenica e delle feste comandate; nel corso degli ultimi decenni, però, la chiusura di bar storici ed il ricambio generazionale tra gli artigiani del settore, l’hanno fatto cadere nel dimenticatoio. Ma adesso è tornato.

Sabato 10 e domenica 11 dicembre con “Giuliana in Festa – Il ritorno dello Sfincione Dolce”, questa particolare prelibatezza giulianese sarà protagonista del programma di degustazioni, concerti e visite guidate intorno al Castello di Federico II.

L’iniziativa è promossa dal Comune di Giuliana con il finanziamento dell’assessorato alle Attività produttive della Regione Siciliana e la collaborazione di associazioni e aziende locali.

«L’amministrazione comunale – dice il sindaco di Giuliana, Francesco Scarpinato – sta lavorando compatta, in sintonia e in collaborazione con le aziende e le associazioni giulianesi, per valorizzare i prodotti del territorio ed al contempo le bellezze del nostro borgo. All’iniziativa partecipano quattordici aziende del comprensorio giulianese. Lo Sfincione Dolce di Giuliana si inserisce in questo progetto di recupero delle tradizioni, di innovazione e di crescita della nostra terra».

Le origini dello Sfincione Dolce di Giuliana, secondo il racconto di alcuni anziani, potrebbero risalire ai primi Novecento del secolo scorso. Tra le mura dell’Opera Pia Buttafuoco Tomasini, la suora che si occupava di cucinare per gli orfanelli e gli anziani ospiti dell’istituto, s’inventò un dolce per allietarne le festività. Farina, uova e ricotta freschissima: pochi, semplici ingredienti per un dolce “povero” che richiede, però, una grande maestria. Tradizionalmente, veniva accompagnato con il vino cotto aromatizzato con mele cotogne e spezie.

Le degustazioni. Oltre che con lo Sfincione Dolce, il 10 e l’11 dicembre, a Giuliana l’appuntamento è con l’Oliva Giarraffa denominazione De.co, servita anche in patè; le zuppe di lenticchie biologiche; la tabisca giulianese, tipica focaccia condita con acciughe e formaggio; porchetta locale e altre delizie.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X