stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Mai incassate tasse per un miliardo, sul Comune di Palermo l'ombra del dissesto finanziario
PALAZZO DELLE AQUILE

Mai incassate tasse per un miliardo, sul Comune di Palermo l'ombra del dissesto finanziario

I conti del Comune di Palermo sono in una trappola senza via d’uscita. La riscossione volontaria è un disastro perché appena un contribuente su tre paga osservando le scadenze fissate dall’amministrazione; mentre è una specie di catastrofe la cosiddetta riscossione coattiva, quella cioè che viene azionata quando i cittadini si ostinano a non versare quanto da loro dovuto: in dieci anni sono state affidate richieste di riscossione per 1,3 miliardi di euro e ne sono andate a buon fine solo il 31,8 per cento, 380 milioni in totale.

Il risultato - scrive Giancarlo Macaluso sul Giornale di Sicilia in edicola - è un corto circuito in base al quale Palazzo delle Aquile a breve potrebbe dichiarare il dissesto finanziario visto che ha un disavanzo strutturale di 79 milioni di euro sul fondo crediti di dubbia esigibilità, mentre altri 82 milioni ma solo per quest’anno sono da dirottare al fondo spese legali per le cause perdute con la curatela di Amia e con l’Immobiliare Strasburgo.

Insomma, una situazione sempre più a tinte fosche. E l’unica speranza è un cambio della legislazione in senso più favorevole agli enti locali: fare pa- gare la Tari caricandola sulla bolletta elettrica, ad esempio, è una delle solu- zioni che erano state individuate dal sindaco Leoluca Orlando.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X