stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia A Palermo anche morire costa molto: è la città più cara d'Italia per spese funebri
LO STUDIO

A Palermo anche morire costa molto: è la città più cara d'Italia per spese funebri

Alcune città siciliane «brillano» per rincari e addirittura si collocano tra le più care del Paese. E’ quanto emerge da uno studio dell’Unione nazionale consumatori, che ha elaborato i dati Istat sull'inflazione 2020. Clamoroso il caso di Palermo, al primo posto per spese funebri e tariffe amministrative (+18,6%): in città un migliaio le bare, da oltre un anno, accatastate in depositi e tensostrutture per mancanza di posti per la tumulazione. I rincari più elevati sono alla voce «altri servizi» che comprende tariffe amministrative, servizi legali e servizi funebri.

A Palermo che detiene il primato, seguono Livorno con +13,4% e Genova, +11,4%. In Italia +1,4%. Il capoluogo che ha il maggiore incremento per quanto riguarda i prodotti alimentari è Caltanissetta con un’inflazione di +4,2%, al secondo posto Trieste, Grosseto e Trapani (tutte a +3,1%). La media italiana è +1,5%, pari ad un aumento della spesa alimentare, senza bevande, di 77 euro per una famiglia tipo. Per quanto riguarda la fornitura di acqua e servizi vari connessi all’abitazione (acqua, rifiuti e spese condominiali) una vera e propria stangata per chi abita a Gorizia (+6%), Palermo (+5,6%) e, al terzo posto, Napoli (+5,1%). La città più virtuosa è Genova, -12%, poi al secondo posto Trapani, -6,8%.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X