stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia A Palermo partono gli avvisi per la Tari, la scadenza slitta al 31 maggio: "Chi può paghi prima"
L'ACCONTO

A Palermo partono gli avvisi per la Tari, la scadenza slitta al 31 maggio: "Chi può paghi prima"

Da domani a Palermo cominceranno a partire i primi avvisi di pagamento dell'acconto Tari 2020. Le lettere arriveranno nei prossimi giorni a circa 320 mila utenze domestiche e 57 mila non domestiche, ossia commercianti, professionisti e studi. Quest'anno, «in via straordinaria e del tutto eccezionale», riporta il testo, la scadenza sarà spostata al 31 maggio.

«Le famiglie che versano in condizioni di difficoltà economica potranno chiedere un'ulteriore proroga al 15 luglio, mediante uno specifico servizio reso disponibile, anche per utenti non registrati, nel “cassetto tributi” e nella home page del sito istituzionale del Comune», si legge nel testo dell'avviso riportato in un articolo di Giancarlo Macaluso sul Giornale di Sicilia in edicola.

Orlando nella lettera lancia comunque un appello affichè chi può paghi comunque prima del termine di scadenza: «Chiediamo a tutti coloro che non sono colpiti economicamente dalla crisi, come tutti i dipendenti pubblici e coloro che hanno comunque una entrata fissa garantita, di provvedere al versamento Tari anche prima del 31 maggio. Sarà un modo indiretto di contribuire allo sforzo che il Comune, come tutti gli enti locali, sta facendo per garantire i servizi, potenziando inoltre quelli rivolti alle persone e ai nuclei familiari più deboli».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X