stampa
Dimensione testo
LA SENTENZA

Ecologia Ambiente, riconosciuti gli arretrati per i dipendenti

arretrati, dipendenti, Ecologia Ambiente, Fiadel, Palermo, Economia

PALERMO. Il tribunale di Termini Imerese ha condannato la società Ecologia Ambiente e stabilito il riconoscimento degli arretrati del compenso retributivo aziendale, dovuti e non corrisposti ai dipendenti che si occupano della raccolta dei rifiuti nel comprensorio termitano.

Circa 750 euro per ciascun lavoratore. Un risultato ottenuto grazie ad un'iniziativa della Fiadel, sigla sindacale autonoma, che ha assistito i lavoratori nel ricorso che ha permesso di ottenere circa 150 annui pro capite, previsto dal contratto Federambiente, che dovrà essere moltiplicato per gli ultimi cinque anni.

"Già in passato un altro gruppo di lavoratori della stessa società, nostri iscritti e impiegati presso il cantiere di Cefalù, - dice Luisa Milazzo della Fiadel - aveva ottenuto analogo riconoscimento, adesso tocca ai lavoratori che operano presso la sede di Termini Imerese".

"La sentenza è importante - sostiene Giuseppe Badagliacca segretario generale della Fiadel - sia per il fatto che vediamo riaffermato il principio che un diritto contrattuale non può essere disatteso dal datore di lavoro con il pretesto che l'azienda si trova in una fase di liquidazione volontaria, sia perché grazie a tale pronunciamento del giudice i lavoratori che hanno promosso il giudizio affidandosi alla nostra consulenza hanno ottenuto il riconoscimento di somme dovute per i cinque anni anni passati dal momento dell'entrata in vigore di tale norma contrattuale. Solo i lavoratori assistiti da Fiadel non rischiano di perdere, per effetto della prescrizione , somme dovute dalla Ecologia ambiente e non erogate".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X