stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Il palermitano Marco Gray in finale al Roma Music Festival
CANTAUTORI

Il palermitano Marco Gray in finale al Roma Music Festival

Palermo, Cultura
Marco Gray

Il palermitano Marco Gray è in finale al Roma Music Festival con il brano «Il posto in cui ora sto». La serata finale si svolgerà al Teatro degli Eroi di Roma il 21 dicembre 2021.

La trilogia sul distacco

Il posto in cui ora sto (maggio 2021), che ha ottenuto oltre 30 mila streams su Spotify e oltre 300.000 views su Youtube (è uscita anche la versione in inglese, «On my own»), è il terzo brano con cui Marco Gray chiude il cerchio della trilogia incentrata sul tema del distacco cominciata con «Ten more times», primo capitolo che racconta di un legame sentimentale sbagliato (il brano ha conquistato conquista una doppia nomination come Best international song» all’«Uk songwriting context» e «Best international act» agli International music awards» e la top 20 nella classifica pop nuove proposte in Uk e ha raggiunto più di 500 mila visualizzazioni del videoclip su Youtube) e «Fammi andare via», secondo brano (30 mila streams su Spotify e 400 mila visualizzazioni su YouTube), questa volta in italiano, che spiega il momento in cui si ci rende conto dello sbaglio e in cui è realizzata la separazione e ci si impegna a resistere alla tentazione di tornare indietro.

Il rinnovamento

«L'arrangiamento del brano - racconta Marco Gray - è quello di una modern ballad caratterizzata da un crescendo emotivo che cerca di spiegare tutta la consapevolezza e tutti gli insegnamenti dei primi capitoli per arrivare ad un nuovo “me” che sta in un posto diverso. Ma il brano non chiarisce se il nuovo io è migliore o peggiore di quello che c'era prima che il distacco avvenisse. Ma il punto non è sapere se si è migliori o peggiori, il vero centro di questa trilogia è il viaggio. Ogni esperienza, ogni strada, porta con sé una trasformazione, e ad ogni trasformazione corrisponde una nuova consapevolezza. Ci si può sentire soli, forse lo si è, perché quando ci si trasforma, si fanno cose che ci isolano, ma non bisogna avere paura».

Il brano, scritto dallo stesso Gray, è stato prodotto a Londra, con la collaborazione di Emilio Merone, e a Palermo, con la post-produzione presso la Blunetwork di Gabriele Giambertone. I cori in backup del pezzo, sia inglese che italiano, appartengono alle cantanti Simona Trentacoste e Chiara Minaldi.

La carriera

Marco Gray (nome d'arte di Marco Grisafi) ha iniziato la sua carriera musicale in Italia nel 2013. Muove i primi passi nella discografia con il progetto in italiano «Marco e l'ape», esibendosi al fianco del noto pianista e tra i più rinomati direttori musicali italiani, Emiliano Begni, che ha aiutato Marco a scrivere le sue prime canzoni da solista e l’ha affiancato finora nel suo percorso. A gennaio 2013 debutta sul palcoscenico del Big Mama, patria natia di Giorgia e Alex Britti, uno dei club musicali più prestigiosi in Italia, che lo ospiterà diverse altre volte fino a marzo 2015. In questi anni, Marco partecipa alle selezioni di Sanremo Giovani. Dopo aver realizzato la cover di «Stars» dei Simply Red, esce in digitale il primo brano inedito, dal titolo «La triste vita di Luigi». La canzone, scritta e cantata in italiano, ha ricevuto buone recensioni dalla critica italiana, posizionandosi per oltre tre mesi nelle classifiche radiofoniche. Il videoclip della canzone, un cortometraggio in bianco e nero a fumetti, scritto e prodotto dallo stesso Marco, entra nella classifica dei video di maggiore tendenza di YouTube per diversi giorni dopo la sua uscita. Il brano, inoltre, debutta sorprendentemente nella classifica Uk Reverbnation emerging artist, posizionandosi nella top 10 per più di tre settimane. Nel frattempo, Marco si trasferisce a Londra, per avvicinarsi alla musica britannica, sviluppando le sue capacità vocali e di scrittura per il suo nuovo progetto da solista.

Marco Gray propone adesso una nuova identità musicale, costruita con la curiosità di raccontare un capitolo diverso della propria carriera musicale, strizzando l’occhio al moderno stile del pop d’oltremanica.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X