stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Palermo, al Teatro Massimo torna in scena Il pirata di Bellini
OPERA

Palermo, al Teatro Massimo torna in scena Il pirata di Bellini

Canta il soprano palermitano Roberta Mantegna

Ritorna finalmente in scena al Teatro Massimo di Palermo venerdì 15 ottobre alle 20 e in replica il 17, il 19 e il 20 ottobre, «Il pirata», il melodramma in due atti, di Vincenzo Bellini, su libretto di Felice Romani. Il nuovo allestimento dell’opera conta sulla regia del collaudato duo formato da Luigi Di Gangi e Ugo Giacomazzi, registi siciliani che declinano con risonanze e scenari contemporanei le vicende del libretto.

Sul podio dell’Orchestra il Maestro Francesco Lanzillotta, che ritorna al Teatro Massimo dopo il Gala lirico diretto per lo streaming a marzo. Nel ruolo di Imogene, la donna contesa dai due protagonisti, canta il soprano palermitano Roberta Mantegna che proprio con questo personaggio si è imposta all’attenzione del pubblico nel 2018 alla Scala di Milano. Nel ruolo del ribelle pirata Gualtiero canta il tenore spagnolo Celso Albelo, che al Teatro Massimo ha già rivestito i panni di altri eroi romantici come Edgardo in Lucia di Lammermoor e Arturo ne I puritani, mentre Ernesto, duca di Caldora è il baritono Vittorio Prato. Completano il cast Motoharu Takei (Itulbo), Giovanni Battista Parodi (Goffredo), Natalia Gavrilan (Adele), mentre Giorgio Misseri (Gualtiero), Francesco Vultaggio (Ernesto) e Marta Torbidoni (Imogene) saranno i protagonisti del secondo cast nella recita del 19 ottobre. I costumi sono di Isabella Rizza, le luci di Luigi Biondi. Maestro del Coro, Ciro Visco. Assistente alle scene Chiara Mirabella, assistente ai costumi Tatiana Lerario. Composto nel 1827 da un Bellini appena ventiseienne, «Il pirata“ fu accolto al suo debutto al Teatro alla Scala di Milano da un trionfo senza precedenti che decretò la definitiva affermazione del compositore. Ne rimane testimonianza nella commossa lettera del compositore alla famiglia. Con «Il pirata» Bellini crea per il tenore Rubini un nuovo tipo di vocalità romantica che si discosta dal modello rossiniano.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X