stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Salvo Piparo ed Egle Mazzamuto fanno rivivere le voci e i suoni antichi del Mediterraneo
PALERMO

Salvo Piparo ed Egle Mazzamuto fanno rivivere le voci e i suoni antichi del Mediterraneo

Giovedì 9 settembre ai Giardini di Palazzo Reale la Fondazione Federico II mette in scena un progetto che si presenta come una nuova esplorazione dei temi della mostra Terracqueo
Palermo, Cultura
Salvo Piparo, voce narrante

Uno dei luoghi più belli al mondo può essere considerato il centro della pace e della guerra, come la vita o la morte: qui mare e terra convivono per costituire un principio unico. Il Mediterraneo è per sua stessa natura un ventre profondo e sconfinato di antiche memorie, di viaggi memorabili, di tesori custoditi nella profondità dell’abisso, portando con sé la voce narrante di ogni viaggio e di ogni speranza.

Il progetto

Per la seconda volta la Fondazione Federico II, in collaborazione con l’Assemblea regionale siciliana, mette in scena una propria mostra, Terracqueo, Aedi del Mare, scritto a quattro mani da Salvo Piparo ed Egle Mazzamuto. Un progetto teatrale e musicale ideato e pensato con la Fondazione Federico II, approfondimento teatrale dell’esposizione tenutasi a Palazzo Reale tra il 2020 e il 2021. L’evento, che si terrà giovedì 9 settembre alle 21 ai Giardini di Palazzo Reale, traccia le sonorità che provengono dal mare, ricreandone fedelmente le atmosfere, anche attraverso strumenti artigianali e tradizionali. Sarà possibile seguirlo in diretta streaming sulla pagina Facebook della Fondazione Federico II e sul canale youtube dell’Ars.

Le antiche atmosfere perdute

Il Mediterraneo si conferma memoria stratificata dell’umanità, come già sottolineato con la mostra Terracqueo, anche nella versione teatrale. «Il ritmo incalzante della parola - spiega la Fondazione in un comunicato - sarà l’argine di questo sconfinato mondo marino, galleggiando sulla terra come un tappeto sonoro che diviene immagine e parola. Strumenti musicali legati a diverse culture del Mediterraneo, ricreano antiche atmosfere perdute». Dal vivo Michele Piccione suonerà il duduk, il cajon, la darbuka, il digiridù, un aerofono ad ancia libera, un hulusi. I suoni e i canti evocativi della rappresentazione teatrale Terracqueo narrano di un Mediterraneo acme culturale di diverse società del mondo antico, oltre che principio generatore di un sistema di equilibri dove terra e mare, Oriente e Occidente si contaminano alchemicamente.

L'eco degli abissi

La sperimentazione elettronica del giovane Federico Pipia, vincitore di Arezzo Wave, rievoca la profondità del mare e nuove tecnologie digitali creano l’eco degli abissi. Le musiche originali del maestro Piccione accompagnano i canti e i melismi intonati da Egle Mazzamuto. La voce narrante e l’interpretazione di Salvo Piparo raccontano i miti e le leggende del mare.

Il ruolo di Giufà

Nella storia il deus ex machina è Giufà, dal volto di sale, che interpreta l’humus di ogni strofa, pungendo i versi con l’ironia dei vinti mentre incerto interroga la sorte, musa e dea di tutti i cunti, che qui apparirà come eco ad ogni incipit di storia di mare, spesso funesta così come immortale. «Non c’è uomo più coraggioso sotto il sole di colui che abbandona un porto sicuro per inseguire un sogno», dirà Giufà, che nel viaggio segna il destino di ogni marinaio: ritrovare dentro il buio dell’acqua la luce delle stelle, il peso solenne della volta celeste, sopra ogni Atlante.

Miccichè: l'arte per comprendere il Mediterraneo

«L’arte - commenta il presidente dell’Ars e della Fondazione Federico II Gianfranco Miccichè - è strumento formidabile per comprendere il Mediterraneo, che grazie alla mescolanza di popoli e culture, sia in pace che in guerra, ha dato vita alla più sorprendente e complessa società cosmopolita del pianeta. Gli eventi proposti dalla Fondazione negli ultimi tre anni hanno promosso la cultura dell’umanità e dell’integrazione e vogliono approfondire la vocazione naturale della Sicilia come ponte di pace tra tutte le popolazioni del Mediterraneo. Un concetto sviscerato lo scorso anno sotto forma di esposizione attraverso i reperti con la mostra Terracqueo, stavolta è traslato in forma teatrale».

Monterosso: il dialogo fra le culture

«La mediterraneità – spiega Patrizia Monterosso, direttore generale della Fondazione Federico II – va intesa come estensione del pensiero in grado di garantire il dialogo tra differenti culture. In questa direzione, l’evento teatrale che andrà in scena a Giardini di Palazzo Reale sul quale lavoriamo da due anni con Salvo Piparo e Egle Mazzamuto, è la naturale prosecuzione di un ragionamento iniziato con la mostra Terracqueo. Il Mediterraneo è l’unica area dove il mare e la terra si fondono. La pace oltre la guerra e la terra oltre il mare, tutto a rappresentare un comune denominatore».

Piparo: tra passato e futuro

«Portare in scena la mostra Terracqueo – sottolinea Salvo Piparo - significa affondare le mani nel pozzo delle meraviglie. Terracqueo è attualità. Raccontarlo vuol dire prendersi cura del nostro passato e del nostro futuro. La trasposizione teatrale diventa un prolungamento della riflessione avviata con la mostra già nel 2020. Narrare oggi le storie del Mediterraneo, rievocando i miti e i grandi poeti, consente di recuperare il senso di un universo di terra e mare. Allo stesso modo permette di dare alle relazioni umane un valore assoluto, soprattutto adesso che con la pandemia si sono indebolite».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X