stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Un monolite in ricordo di Sebastiano Tusa
ARTE

Un monolite in ricordo di Sebastiano Tusa

La mostra laboratorio sarà presentata il 28 luglio alla Soprintendenza del Mare. Biscotti vegani per creare le didascalie in braille in un itinerario sommerso di Marettimo
Egadi, ipovedenti, marettimo, Giacomo Rizzo, sebastiano tusa, Tiziana Serretta, Palermo, Cultura
Un dettaglio del monolite di Giacomo Rizzo che sarà completato il 28 luglio

Un monolite, dopo il Cuore di Ustica, per ricordare il compianto Sebastiano Tusa. E una limited edition di biscotti vegani, piccole opere d’arte con i simboli storici della Sicilia, per celebrare l’isola e il suo Mediterraneo e sostenere un’iniziativa benefica, garantire agli ipovedenti la fruibilità di un percorso sommerso a Marettimo.

Il progetto è dell’artista Tiziana Serretta, in collaborazione con Nadia Speciale/Barbera & Partners, ed è promosso dalla Regione e dalla Soprintendenza del Mare. Sarà presentato il 28 luglio alle 18, a Palermo, proprio nella sede della Soprintendenza del Mare, così cara al compianto Sebastiano Tusa. Vedrà la partecipazione, oltre che di Tiziana Serretta, anche dell’assessore regionale ai Beni Culturali, Alberto Samonà, della Soprintendente del Mare Valeria Li Vigni, di Nadia Speciale e dello scultore Giacomo Rizzo, che completerà, nel corso della presentazione, la realizzazione del monolite Egadi in ricordo di Tusa.

Come tutti i progetti d’arte e cultura della palermitana Tiziana Serretta, che ha ottenuto diversi riconoscimenti anche internazionali, uno su tutti l'accreditamento all’Onu per i progetti di Agenda 2030, quest'ultimo - dal titolo Il Gusto dell’Arte - ha anche un’importante valenza sociale. Il ricavato della vendita del monolite e dei biscotti artigianali servirà ad offrire agli ipovedenti didascalie in braille in uno degli itinerari sommersi dell’arcipelago delle Egadi. I biscotti artigianali sono creati rigorosamente a mano da Paolo Forti, che vi ha raffigurato simboli caratterizzanti della storiografia, come l'elmo romano, la fenice dalla doppia testa d'uccello e la triscele della Trinacria.

Tiziana Serretta

«Si tratta di un progetto originale - spiega Tiziana Serretta - realizzato grazie ad una proficua sinergia di intenti e soprattutto alla condivisione dell’amore per la Sicilia da parte mia, di Rizzo, di Forti e dei diversi interlocutori istituzionali. L’arte è bellezza, è di tutti, fa parte del quotidiano, rispetta l’ambiente, aiuta il sociale e rinasce sempre sotto nuove forme. Per questo abbiamo voluto coniugare l’omaggio ad un grande amante della Sicilia, come Tusa, con l’esaltazione di questa terra mitologica, esoterica, alchemica, raccontata attraverso i simboli rappresentati in questi biscotti che sono opere d’arte e sono prodotti con farine di grani antichi siciliani bio vegane».

L'assessore Samonà sottolinea come l'iniziativa vada «nella direzione della valorizzazione del patrimonio culturale regionale attraverso modi nuovi di coniugare conoscenza e buone pratiche. Il progetto proposto da Tiziana Serretta assume un doppio ruolo: di consolidamento della memoria verso un uomo-simbolo della Sicilia e dell’archeologia, quale è stato Sebastiano Tusa, e di conoscenza dell’attività svolta dalla Regione nel campo della valorizzazione delle risorse culturali legate al mare».

«Il progetto Laboratorio Mediterraneo - dice dal canto suo Valeria Li Vigni - è stato avviato dalla Soprintendenza del Mare nel giugno 2019 a Ustica, con l’installazione del “cuore” di Giacomo Rizzo, nel primo itinerario sommerso realizzato da Sebastiano Tusa a Punta Falconiera. Adesso il progetto assume nuove declinazioni con la mostra-laboratorio curata da Tiziana Serretta. Verrà scolpito in Soprintendenza un monolite ispirato a Sebastiano Tusa e al Mediterraneo. Un simbolo legato alla costante ricerca di indagare nuovi corsi della storia che ben si coniuga con la ricerca di nuovi linguaggi artistici, volti a raggiungere tutti attraverso l’arte contemporanea che abbatte barriere e crea unione tra culture diverse. Ed è proprio per il raggiungimento di un itinerario per tutti che è concepito l’arricchimento dell’attuale itinerario dei Cannoni a Marettimo ( Egadi) di un percorso per ipovedenti con didascalie in braille».

«Abbiamo pensato ad un progetto - aggiunge Nadia Speciale - che guardasse alla Sicilia del passato alla sua storia, alle sue tradizioni ma che puntasse al futuro, con la promozione dell’arte moderna e del vegano, nel rispetto dell’ambiente. Siamo felici, dopo un periodo di stop forzato dovuto al Covid, di tornare a fruire e godere di eventi che, oltre a contribuire all’arricchimento culturale, mettono in moto anche tutto il circuito economico e quindi il rilancio della nostra isola».

Sarà possibile ammirare il monolite e degustare i biscotti il 29 e il 30 luglio dalle 9 alle 13.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X