stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura “Il bequadro del mio caos”, il primo romanzo della giovane palermitana Marta Campagna
L'ESORDIO

“Il bequadro del mio caos”, il primo romanzo della giovane palermitana Marta Campagna

di

“Il bequadro del mio caos” è il titolo del romanzo d'esordio della giovane palermitana Marta Campagna. Il libro, che uscirà a fine aprile, inizia ad essere scritto dalla 17enne circa cinque anni fa. Un libro che nasce tra i banchi di scuola e non si fa per dire. Marta, infatti, inizia a lavorare al romanzo mentre frequentava la terza media. Quell'anno non stava attraversando il miglior periodo della sua vita, così sentiva fortemente l'esigenza di parlare in qualche modo di se. Da qui la decisione di urlare alcune delle sue esperienze tramite i protagonisti del libro, Cloe e Will.

Cloe e Will sono una ragazza ed un ragazzo che vivono uno dei periodi più belli e in qualche modo anche più complicati della loro vita: l'adolescenza. Si tratta di una storia che racconta amori, tragedie, fatiche e gioie; da fare da sfondo a questo mix di emozioni c'è la musica. È proprio la musica che rappresenta per la protagonista del libro, Cloe, una valvola espressiva e a volte anche un mezzo per superare alcune difficoltà.

Dunque la musica è un elemento fondamentale della storia scritta dalla giovane Marta Campagna e lei spiega il perché: “Tutto ciò che fa parte della mia vita gira attorno alla musica. Non solo perché è una mia grande passione, tant'è che studio e suono il pianoforte, ma accompagna tutti i miei stati d'animo, esperienze e quant'altro. A trasmettermi questo grande interesse è stato mio zio, basti pensare che quando avevo solo quattro anni mi faceva ascoltare gruppi musicali come i Pink Floyd e i Queen”.

Una figura molto interessante è una parola che si trova all'interno del titolo del romanzo, edito dalla casa editrice Edity, “Il bequadro del mio caos”. Il bequadro è un simbolo utilizzato nella scrittura musicale: “Ho scelto questo titolo perché questa figura in uno spartito svolge un ruolo particolare – dice Marta -. In quanto serve ad annullare le alterazioni, come il bemolle e il diesis. Perciò penso che sia una metafora che rispecchia appieno la vita, in questo caso il caos non per forza deve essere annullato ma si può fare del caos qualcosa che caratterizza ognuno di noi”.

Tra il mese di maggio e giugno vi sarà la presentazione del libro ma il luogo dove si terrà è ancora da decidere, intanto è già possibile preordinarlo.

© Riproduzione riservata

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X