stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Davide Shorty, un palermitano a Sanremo 2021: "Grazie alla musica ho superato la dislessia"
L'INTERVISTA

Davide Shorty, un palermitano a Sanremo 2021: "Grazie alla musica ho superato la dislessia"

di
sanremo giovani, Davide Shorty, Palermo, Cultura
Davide Shorty nella foto di Ambra Parola, styling Aurora Zaltieri

Il rapper e cantante palermitano, Davide Shorty, è tra i vincitori dell'ultima edizione di Sanremo Giovani, conclusosi la settimana scorsa. Ottenendo così l'accesso a Sanremo 2021, per le Nuove Proposte, con il brano “Regina”. Una canzone che ha un pizzico di genialità, mischiando due generi particolari come il Soul e il Rap, e che porta in alto, non a caso sotto i riflettori del palco dell'Ariston, il capoluogo siciliano.

“Mi sento molto bene – afferma Davide -, sono felice. Questo traguardo è stato una realizzazione di una visione avuta con il mio team già qualche anno fa”. La canzone che ha portato il 31enne palermitano a questo grande traguardo è “Regina”. Un brano che ha un significato ben preciso, come dice lui stesso: “È una canzone d'amore che ho scritto per la mia ex ragazza e con la quale racconto la sua storia. Inoltre aggiungo che l'attrice che si vede nel video ufficiale è proprio lei. La cosa un po' particolare di quando ho scritto questo pezzo, intorno al 2018, è che mi trovavo nei pressi del lago Maggiore proprio perché avevo bisogno di ispirazione e comunque di scrivere. Dunque dopo che abbiamo portato a termine la realizzazione con il mio gruppo che mi aiuta a scrivere e a comporre, abbiamo pensato subito che questa era una canzone ideale da proporre per Sanremo. Infatti eccomi qui”.

Davide Shorty nasce a Palermo nel 1989, da piccolo si innamora della musica grazie ad un pianoforte che aveva in casa lo zio e che in seguito gli regalò. Successivamente intorno ai 16 anni ha cominciato ad appassionarsi all'Hip Hop, provando a comporre le prime basi. Cominciando, come si dice nel gergo musicale, a campionare per creare i primi pezzi, scopre molti artisti del mondo del Jazz e del Soul. Da qui si appassiona anche a questi generi, infatti comincia a collezionare tantissimi dischi e inizia ad ascoltare moltissima musica.

Inizia a scrivere i primi testi, i quali lo hanno aiutato molto a superare la sua dislessia: “Essendo dislessico, fin da quando ero bambino mi sfuggivano molte parole - spiega Davide -. Scrivendo ho deciso di riprendere tutte le parole che mi ero in qualche modo perso e cominciai a giocarci un po'. Devo dire che la musica, quindi il rap, mi ha aiutato molto a superare questo mio ostacolo”.

A circa 20 anni lavora con l'ex gruppo rap palermitano, Combomastas. Tuttavia in seguito si trasferisce a Londra, dove vive tutt'ora ormai da circa 11 anni, per voler migliorare sotto l'aspetto musicale. Nel 2015 partecipa alla nona edizione di Xfactor e nel 2017 esce il suo primo album in Italia, ossia “Straniero”. Mentre a Marzo 2021 parteciperà tra le Nuove Proposte della 71esima edizione del Festival di Sanremo.

Nonostante oggi viva a Londra, come anticipato, Davide Shorty ha spiegato il rapporto che ha con la sua città, Palermo, e dice: “Palermo mi ha dato tanto, mi ha dato anche la fame artistica e quella voglia di fare di più – conclude -. Non si può spiegare il rapporto che ho con questa città, anzi forse si, Palermo è come una madre. Basti pensare che nel mio braccio destro ho tatuato la chiesa Martorana” anche conosciuta come la Chiesa di Santa Maria dell'Ammiraglio.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X