stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura "Mi ricordo", un viaggio nel passato: al Teatro Libero di Palermo la prima nazionale
RACCONTO DI UNA GENERAZIONE

"Mi ricordo", un viaggio nel passato: al Teatro Libero di Palermo la prima nazionale

Al Teatro Libero di Palermo andrà in scena la prima nazionale di "Mi ricordo", uno spettacolo che racconta una generazione, quella dei millennials, attraverso ricordi di memorie personali e collettive.

Lo spettacolo, coproduzione del Teatro Libero e di Barbe à Papa Teatro, scritta e diretta da Claudio Zappalà, andrà in scena in prima nazionale l’1, il 2 e il 3 ottobre, con Chiara Buzzone, Federica D’Amore e Roberta Giordano.

Sul palcoscenico tre attrici/performer e tre scatoloni dai quali verranno tirati fuori vecchi ricordi che faranno nascere racconti di esperienze vissute: l’11 settembre, la guerra in Iraq, il crack della Lehman Brother, la morte di Lady Diana, il Grande fratello e le esperienze televisive degli anni 90 e 2000.

Alla memoria di un ricordo collettivo è sempre legata una esperienza privata, a volte traumatica, che ci ha reso, nel bene e nel male, quello che siamo oggi, come generazione, ma anche come singole persone. Sarà un’indagine indirizzata alla ricostruzione di una memoria personale e collettiva – spiega il regista - che ci porterà, forse, a conoscere meglio la nostra condizione; ad analizzare le nostre insicurezze, le nostre ansie e le nostre paure, per cercare di capire se hanno una matrice comune. Cosa ci rende parte della stessa comunità? In cosa siamo diversi dalle generazioni precedenti e da quelle successive? Come ci relazioniamo con il futuro?”.

Mi ricordo è uno spettacolo teatrale che tende più alla performance che alla rappresentazione. La scena ricostruirà una stanza dei ricordi. Ricordi fisici, tangibili, concreti: vecchi quaderni, diari, fotografie, giocattoli, oggetti del passato. Le tre performer, intente a riorganizzare l’archivio della memoria, sceglieranno quali ricordi distruggere, buttare, e quali conservare ancora. Il linguaggio sarà quello già ricercato dalla compagnia, fatto di una drammaturgia molto legata alla narrazione e all’uso del corpo. È un viaggio nel tempo che rimbalzerà continuamente spettatori e performer tra passato, presente e futuro.

Lo spettacolo, realizzato in collaborazione con Spazio Marceau, G273 Produzioni, è vincitore del bando “Per un teatro necessario”, del Teatro Libero di Palermo.

Barbe à Papa Teatro è una compagnia teatrale nata a Palermo nel 2018 e composta da Chiara Buzzone, Federica D’Amore, Totò Galati, Roberta Giordano, Pierre Jacquemin e Claudio Zappalà. Insieme attrici e attori under 35 provenienti da percorsi formativi differenti e che sulla diversità fonda il proprio valore. Barbe à Papa Teatro si pone l’obiettivo di lavorare esclusivamente su drammaturgie originali che nascono dal lavoro di compagnia.

 

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X