stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura “Tina Modotti, tra luci e ombre”, fotografia d'autore a Palermo: l'incontro a villa Zito
IL 27 GENNAIO

“Tina Modotti, tra luci e ombre”, fotografia d'autore a Palermo: l'incontro a villa Zito

Tina Modotti, tra luci e ombre” è il titolo del nuovo appuntamento culturale con la fotografia d’autore, organizzato dalla Scuola Stabile di Fotografia di Palermo, fissato per lunedì dalle 18 alle 20 presso il locale bar, a Villa Zito, a Palermo.

“Indagheremo l'attività fotografica e la vita di una delle figure femminili più controverse dello scorso secolo. La storia di una donna che consacrò la vita all'arte ed alla rivoluzione – afferma Antonio Saporito Renier direttore della Scuola stabile di fotografia di Palermo -. Fotografa, passionale, diva e donna di archivio conobbe e fece anche innamorare follemente di sé artisti famosi e grandi rivoluzionari”.

È sempre stupefacente osservare e comprendere quanto dell’autore rimanga impresso nelle foto. E raccontano soprattutto della donna Tina Modotti le fotografie da lei scattate in Messico, della sua storia: la militanza politica, umana e sociale. Iniziata a questa attività dal suo compagno di vita, lo statunitense Edward Weston, anche lui fotografo, non esiterà ad abbandonarla per il crescente impegno nell’attivismo politico. Tina osserva le mani dei lavoratori, lo sguardo fiero delle donne indigene, i bambini poveri, gli amici intellettuali, compagni di idee rivoluzionarie, i segni di una nascente modernità urbana, la potenza collettiva delle folle, ma in tutte le immagini mostra sé stessa: donna passionale e libera, indipendente, coraggiosa, che si fa travolgere dalla vita. Tra i suoi amici più stretti e amanti: Diego Rivera, Robert Capa, Ernest Emigway, il Comandante Carlos, Dorothea Lange, Pablo Neruda, Frida Kalo e molti altri personaggi politici, rivoluzionari e artisti di spessore mondiale.

La vita di Tina Modotti è segnata da un continuo viaggiare e da radicali cambi di vita, tutti dettati dal suo percorso artistico e politico. Attivista convinta del partito comunista, la sua vita politica si è legata indissolubilmente a quella sentimentale. Tina Modotti morì in circostanze sospette mai chiarite a Città del Messico nel 1942.

L’incontro culturale e fotografico, si inserisce nell’ambito della rassegna culturale “Incontri fotografici”, organizzata dalla Scuola Stabile di Fotografia, e si terrà lunedì a Villa Zito da Bar, un luogo esclusivo in città dove condividere la passione per la fotografia, nel cuore di Palermo. La rassegna prevede un incontro al mese, davanti ad un aperitivo, per conoscere la fotografia d’autore, condividendo storie, autori, progetti, idee.

© Riproduzione riservata

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X