stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Un Festival delle Storie a Palermo per le storie e i racconti nati sui social
TEATRO SANTA CECILIA

Un Festival delle Storie a Palermo per le storie e i racconti nati sui social

Debutta domani, al Teatro Santa Cecilia, il Festival delle Storie, la prima rassegna dedicata alla narrazione nata sui social network. La matrice è infatti il gruppo Facebook denominato Quntastories, ideato e condotto dalla giornalista Laura Compagnino, che ha calamitato nei suoi primi 6 mesi di vita un originale archivio di storie raccontate da scrittori, giornalisti e semplici narratori di giornata.

Oggi da questo repertorio nasce la prima serata di un festival che nel 2020 proseguirà con altre tappe. Il filo conduttore della serata inaugurale è la sincerità narrativa attraverso cui si articolerà un percorso che alternerà storie leggere e di spessore. E proprio per restare fedele alla sua matrice originaria, racconterà anche la vita di molti gruppi che riscuotono consensi sui social network, dall'ormai osannato MeteoBilly del giornalista e scrittore Daniele Billitteri, a Epruno di Renzo Botindari, passando per le passioni rosanero di Delia Romano e dai Garibaldini in autogestione permanente, casa naturale di ex studenti del Liceo classico Garibaldi. Sul palco del Santa Cecilia anche scrittori come Jim Tatano e Lucio Luca che presenterà un estratto del monologo dedicato al cronista Alessandro Bozzo, premio Francese per il 2019.

Saranno raccontate anche tante altre storie, alcune di successi imprenditoriali come quella di Giuseppe Lisciandrello, altre dai risvolti intimisti o sospese fra realtà e finzione. Le narrazioni troveranno anche un'interpretazione teatrale grazie alla presenza di attori come Sandro Dieli che proporrà una parte del monologo «Perbacco». Alessandro Ienzi, recente protagonista di Rose Selvatiche, piece ospitata proprio dal Santa Cecilia, Tatiana La Spesa e Isabella Rizzitello. Oltre 20 storie coordinate sul palco dal giornalista Angelo Scuderi, spalleggiato da Nino Aiello, la più brillante penna della critica enogastronomica.

Perché ad ogni storia sarà abbinata la narrazione di un vino che ne interpreterà i contenuti. Anche la musica avrà il suo spazio, grazie alla presenza di un trio di eccellenze siciliane: Diego Spitaleri al piano, Fabio Lannino al basso, Vito Giordano alla tromba, a ricordare che proprio il Santa Cecilia è la casa del Brass Group. La serata avrà inizio alle ore 21. Biglietti al botteghino, per le prenotazioni: festivalstoriepalermo@gmail.com

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X