stampa
Dimensione testo
LA COMMEDIA

"Sogno di una notte di mezza estate", l'anteprima di stagione al Teatro Libero di Palermo

Giovedì 10, venerdì 11 e sabato 12 ottobre, alle 21.15, al Teatro Libero di Palermo va in scena Sogno di una notte di mezza estate. Un’altra anteprima di stagione, tratta da Shakespeare, con drammaturgia e regia di Lia Chiappara. Sul palcoscenico Giada Costa, Vincenzo Costanzo, Marta Lunetta, Silvia Scuderi e Giuseppe Vigneri e gli allievi Gianmarco Amato, Giuseppe Mangano e Alessandro Quartararo.

Ermia si rifiuta di sposare Demetrio, che le è stato imposto dal padre Egeo, perché ama Lisandro. Teseo, duca d’Atene, dà ad Ermia quattro giorni di tempo per obbedire ai voleri del padre, trascorsi i quali la fanciulla sarà tremendamente punita. Ermia e Lisandro fuggono nel bosco per sposarsi segretamente, inseguiti da Demetrio infuriato per il rifiuto e da Elena che nutre per lui una passione non corrisposta. Qui i giovani cadono vittime degli incantesimi del re e della regina delle fate, Oberon e Titania, che mutano diverse volte gli affetti umani. Nel bosco intanto fervono i preparativi per la messa in scena della commedia Piramo e Tisbe per le nozze di Teseo e Ippolita, a cui partecipa la varia e multiforme umanità del popolo di Atene. Incantesimi, fate, boschi, amori e pozioni.

“Una commedia brillante e godibilissima – sottolinea la regista Lia Chiappara - in cui il genio del teatro inglese si diverte a dare spessore drammaturgico ai viluppi apparentemente banali e quotidiani della vita, intonandoli alle corde dei lazzi e degli esilaranti colpi di scena che imprevedibilmente caratterizzano i personaggi nel loro avere addosso e nel loro agire una forte pregnanza teatrale, fatta di forma e corpo. In Sogno è la vita che si mette in gioco, la vita che si esplica in tutte le sue forme e che si interroga su se stessa, nel linguaggio che le è più congeniale: l’amore. Sogno di una notte di mezza estate è una delle drammaturgie shakespeariane più adatte alla formazione attoriale e alla conoscenza del mondo drammaturgico del bardo, utile per approfondire i meccanismi della scrittura per il teatro, perché si muove tra la fiaba e la realtà, tra il racconto mitologico e la derisione delle pratiche teatrali stesse nel gioco del teatro nel teatro”.

Il costo dei biglietti: intero € 7, ridotto under35 € 5, per chi si abbona alla 52ª Stagione € 2. La campagna abbonamenti è in corso fino al 26 ottobre, con formule a partire da 30 euro. Informazioni e prenotazioni allo 0916174040, cellulare 3929199609.

 

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X