PALAZZO AJUTAMICRISTO

Esposte le tele della Tauromachia, a Palermo il finissage della mostra "10" di Giuseppe Patanè

Domenica alle 18:30 a palazzo Ajutamicristo di Palermo si terrà l’evento conclusivo della personale dell’artista Giuseppe Patanè, inserita tra gli eventi di “Palermo Capitale della Cultura” 2018.

Un appuntamento da non perdere il finissage della mostra “10” di Giuseppe Patanè, tra i protagonisti degli eventi di “Palermo Capitale della Cultura” 2018, in programma in via Garibaldi 41 a Palermo.

Una personale di forte impatto emotivo, che ha portato in scena le tele, ben 46, della “Tauromachia”, già acclamata nel 2017 alla biennale di Venezia, che anche nel capoluogo siciliano, ha riscosso un grande successo di pubblico attratto e rapito dai tori dell’artista, in modo spontaneo e naturale, riuscendo a cogliere quella ricerca del particolare e del dettaglio.

Ma non solo, a suscitare grande interesse, anche da parte della critica, l’installazione di denuncia sociale collocata in una delle sale del palazzo con tanto di “divieto per i minori”, presentata in esclusiva per Palermo, una sorta di piramide umana che ha mostrato la condizione precaria dell’uomo vittima e partecipe di una società in continuo declino.

L’evento rientra tra le iniziative culturali patrocinate dalla Regione Siciliana, il Comune di Palermo e Palermo Capitale della cultura 2018.

Il finissage sarà dunque un momento non solo di alto spessore culturale e artistico, ma anche sociale attraverso la presenza dell’associazione “Corrimano”, impegnata nell’organizzazione di eventi culturali legati a cinema, arte e letteratura, fondendo insieme gusto, arte e danza.

E proprio la danza sarà il trait d’union del finissage, con uno spettacolo di flamenco a cura della “Coral arte Flamenco”, che si lega naturalmente alla personale dell’artista, in quanto la potenza del flamenco è così forte da ricordare quella del toro e le movenze eleganti del “Toreador” somigliano a quelle del “Bailadores”, così come la classica acclamazione “olè” richiama quella del jaleo.

Il tutto sarà arricchito da una degustazione di vini di “Tasca d’Almerita”, a cui seguirà la presentazione del catalogo che raccoglie le tele della Tauromachia con la “lectio magistralis” a cura dello storico e critico dell’arte Maria Antonietta Spadaro. A prendere parte al finissage anche Antonio Presti, presidente della Fondazione Fiumara d’Arte, che ha deciso di dedicare tutto sè stesso, per far trionfare l’arte in tutte le sue forme.

La mostra sarà fruibile al pubblico fino al prossimo 28 febbraio dalle 9 alle 13.

Il martedì e il venerdì sarà aperta anche l'intera giornata con orario continuato dalle 9 alle 18.

 

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X