stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Ecco cosa fare oggi a Palermo

Ecco cosa fare oggi a Palermo

di

Da leggere

Oggi a partire dalle 9, nel Complesso Monumentale di Sant’Antonino - Biblioteca Interdipartimentale di discipline umanistiche dell’Università degli Studi di Palermo(piazza sant’Antonino, 1) prenderà il via la “Settimana delle biblioteche”, una serie di iniziative per la valorizzazione delle biblioteche dell’Ateneo e la promozione della lettura. La settimana, organizzata dal Sistema Bibliotecario e Archivio Storico di Ateneo (SBA) sarà inaugurata con un incontro sul tema “Semi di libri: docenti e studenti si confrontano parlando di libri” che coinvolgerà in una maratona di lettura gli studenti delle scuole di primo e di secondo grado e dell’Università, scrittori, studiosi e cittadini. Gli eventi e le attività proseguiranno da martedì 8 a venerdì 11 maggio presso i Poli Bibliotecari delle cinque Scuole di Ateneo che organizzeranno laboratori di lettura, mostre, donazioni di libri, conferenze, seminari, performance di danza, musica e teatro.

Appuntamenti 

Fino  al 23 maggio in viale Regione Siciliana, di fronte al carcere Pagliarelli ci sarà l'iniziativa"Jurassic Expo". Ingresso 7 euro, gratis per i bambini sotto i tre anni.

Il giorno 7 maggio ricorre il compleanno del Vice Questore Aggiunto Antonino Cassarà, barbaramente trucidato in un agguato mafioso il 6 agosto del 1985 insieme al giovane poliziotto ed amico Roberto Antiochia. I ragazzi delle scuole di Palermo leggeranno in un’alternanza di parole e musica il rapporto dei “161”, che è stato alla base del maxiprocesso contro cosa nostra. L’evento avrà luogo a Villa Pajno alle ore 10.

A teatro 

Oggi  in scena al Teatro Massimo la  commedia per musica "Il duello comico" di Giovanni Paisiello.  Recite per le scuole dal 2 all’11 maggio.

Da vedere

All’Archivio Storico Comunale di Via Maqueda 157, si può ammirare  la mostra dal titolo "Futurismo e futuristi:l'impatto e l'oltre"curata e organizzata da Graziella Bellone in collaborazione con Laura Miceli . L'evento è inserito nel programma di Palermo Capitale della Cultura 2018. La mostra sarà visitabile fino all’8 giugno.  L’ingresso è gratuito.

E' uno dei grandi della fotografia del XX secolo. I suoi scatti hanno narrato la disperazione e la tragedia delle guerre che hanno costellato il Novecento e le speranze di fronte alla fine dei conflitti. La mostra "Robert Capa - Retrospective" che si è aperta all'Albergo dei Poveri a Palermo, ripercorre il lavoro di questo maestro della fotografia in un momento particolare: le celebrazioni dei 70 anni di Magnum Photos, di cui Capa fu fondatore insieme a Henri Cartier-Bresson, George Rodger, David “Chim” Seymour e William Vandivert. Centosette gli scatti in mostra, tutti in bianco e nero, realizzati dal 1936 al 1954, l'anno in cui Capa morì, ucciso da una mina anti-uomo in Indocina. Tra le sezioni anche una dedicata alla Sicilia dove il fotoreporter raccontò la liberazione dell'isola da parte degli americani alla fine del secondo conflitto mondiale.

“Arrivano i dinosauri”,  l' esposizione di due dei più importanti modelli di dinosauri al mondo all'Orto Botanico di via Lincoln . L’acquisizione dei dinosauri, rappresentativi delle specie “Carnotaurus sastrei” e “Thecodontosaurus antiquus”, scaturisce dalla collaborazione scientifica tra il Museo Gemmellaro del SiMuA e l’Oertijdmuseum di Boxter in Olanda, produttore delle repliche. L’installazione aprirà al pubblico a partire dalle 9 e la visita è compresa nel biglietto di ingresso all’Orto Botanico dove saranno esposti fino al mese di agosto.

Nudi. Centinaia e migliaia. Volontari che accorrono per partecipare ad ogni suo progetto. Spencer Tunick racconta così il paesaggio, livellando la bellezza dei corpi senza veli, rendendo uguale uno agli altri. Sarà Palermo – Capitale Italiana della Cultura 2018 – ad ospitare “Nudes”, l’antologica del fotografo americano che raccoglierà, per la prima volta, scatti realizzati in tutto il mondo, da Shanghai a Parigi, dall'Australia a Brooklyn. La mostra di Spencer Tunick è visitabile  allo ZAC, il padiglione dedicato all’arte contemporanea nei Cantieri Culturali alla Zisa, dove resterà fino al 2 giugno.

​Siciliano di nascita, romano d’adozione, Francesco Trombadori è stato un artista dalle qualità sopra le righe. Paesaggista e ritrattista, mostra nella sua pittura quell’occhio sensibile figlio di un lasso di tempo che corre tra due grandi guerre: al pittore dedica un’ampia retrospettiva la Galleria d’arte Moderna che dal 23 marzo al 2 settembre ospita “Francesco Trombadori. Essenziale verità delle cose”. Vengono esposte circa sessanta tele, dipinte tra il 1915 e il 1961, provenienti da importanti collezioni pubbliche e private di tutta Italia; e inoltre, disegni, libri, cataloghi di mostre e articoli di giornale dall'archivio dell'artista, custodito nel suo studio a Villa Strohl-Fern. La mostra è a cura di Giovanna Caterina De Feo ed arriva a Palermo dopo essere stata allo GNAM di Roma. Dopo più di dieci anni dall’ultima mostra monografica nella sua città natale, Siracusa, Trombadori ritorna a far parlare di sé.

Dopo alterne vicende, il celebre Ritratto di Donna Franca Florio, eseguito da Giovanni Boldini e simbolo della Belle époque, torna nella sua città, a Villa Zito, in occasione delle iniziative di Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018. La mostra Il ritorno di Donna Franca Florio sarà aperta al pubblico fino al 20 maggio.

Arriva fino al 10 giugno a villa Zito in via Libertà la mostra dedicata ai pittori "Caravaggeschi".

Il teatro Politeama Garibaldi di piazza Ruggero Settimo sarà visitabile al mattino, sette giorni su sette. Porte aperte dalle 10 alle 14.

 

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X