AL TEATRO MASSIMO

Dopo il restauro, antica lira-chitarra torna a suonare a Palermo

PALERMO. È uno strumento prezioso, di probabile fattura francese, realizzato tra la fine del Settecento e l'inizio dell'Ottocento.

Le sue caratteristiche costruttive lo rendono ascrivibile a una tipologia rara di liuti a pizzico, rappresentata oggi da pochissimi esemplari al mondo.

È una lira-chitarra di proprietà della Fondazione Teatro Massimo che è stata appena restaurata dal Centro per la progettazione e il restauro della Regione.

Lo strumento tornerà a suonare in un concerto oggi alle 18.30 al Teatro Massimo (Sala Onu).

A suonarlo sarà il maestro Davide Velardi, con Irene Maria Salerno al pianoforte e la partecipazione straordinaria del soprano Chiara Giacopelli. Partecipano Carlo Vermiglio, assessore ai Beni culturali della Regione; Gaetano Pennino, dirigente generale dei Beni culturali; Francesco Giambrone, sovrintendente
del Teatro Massimo; Enza Cilia Platamone, direttore del Centro regionale per la progettazione e il restauro; Luca Gazzara, commissario del Centro regionale per la progettazione e il restauro.

Saranno eseguite musiche di Carulli, Legnani, Diabelli, Giuliani.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X