stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca A Isola la Borsa di studio "Stefano Bonomo", i Lions ricordano il giovane morto nel 2005
IL PREMIO

A Isola la Borsa di studio "Stefano Bonomo", i Lions ricordano il giovane morto nel 2005

di
isola delle femmine, Lions Club Pantelleria, Emilia Culoma, stefano bonomo, stefano ruggeri, Palermo, Cronaca
Stefano Bonomo

Si terrà oggi (sabato 15 ottobre) alle 15.30 presso l'hotel Saracen Sands a Isola delle Femmine, in provincia di Palermo, la dodicesima edizione della Borsa di Studio "Stefano Bonomo", indetta dal Lions Club Pantelleria, voluta dal Distretto 108 Yb Sicilia.

Anche quest'anno l'iniziativa ricorda la morte accidentale di Stefano Bonomo, avvenuta il 30 luglio 2005 in un incidente stradale a Pantelleria. Bonomo, all'epoca aveva 15 anni. Al Lions Club, durante una conferenza venne fuori il tragico episodio e l'intera commissione si commosse al racconto della madre, Emilia Culoma. Per ricordare la morte di Stefano la commissione decise di istituire una borsa di studio del valore di 1.000 euro al ragazzo più meritevole che si diplomava con il massimo dei voti. Quest'anno l'iniziativa arriva alla dodicesima edizione.

"A mio parere è giusto ricordare Stefano in virtù del fatto che i suoi organi vitali sono stati donati dopo la morte - dice Stefano Ruggeri, socio fondatore del Lions Club Pantelleria - . Questo gesto, che ha salvato tanto altre vite,  ha sensibilizzato la commissione e si è deciso di dare cadenza annuale all'evento".

"La borsa di studio è un dono nei miei confronti da parte del Lions Sicilia distretto 108 nel ricordo di Stefano Bonomo - spiega la madre del giovane deceduto in seguito ad un incidente stradale mentre si trovava in vacanza a  Pantelleria il 30 luglio del 2005 all'età di 15 anni - . Da quando è mancato mio figlio non mi sono chiusa nel dolore ma ho reagito. Quando mi è stato chiesto di donare gli organi non sono stata egoista e mi sono aperta al prossimo. Quando si reagisce con amore, sono convinta che l'amore ritorna. Sento l'abbraccio di mio figlio".

"Prima dell'incidente che gli è costato la vita - aggiunge la madre di Stefano - mio figlio viveva a Verona dove stava proseguendo gli studi per conseguire il diploma di geometra. Domani, nel corso della giornata dedicata alla borsa studio leggerò una testimonianza diretta di un suo compagno di scuola nella quale elogia la generosità e l'amore verso il prossimo che aveva Stefano".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X