stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Niente canzone dedicata al boss per la neomelodica palermitana Daniela Montalbano
QUESTURA

Niente canzone dedicata al boss per la neomelodica palermitana Daniela Montalbano

mafia, Giovanni Falcone, Palermo, Cronaca
Daniela Montalbano

Niente canzone dedicata al boss per la neomelodica palermitana, Daniela Montalbano. Un provvedimento del questore di Palermo, Leopoldo Laricchia, il quale ha vietato che nel concerto previsto ieri sera a Camporeale fosse cantato il brano Zio Franco, dedicato al boss Franco Inzerillo. «Non è possibile - si legge nel documento - eseguire brani di contenuto palesemente finalizzato all’esaltazione o alla celebrazione dei disvalori antigiuridici connessi con la criminalità di stampo mafioso».

Il divieto è stato notificato alla Montalbano poco prima dell'esibizione. La canzone, come la stessa neomelodica aveva sottolineato in passato, è dedicata a Franco u nivuru, ora deceduto. Il primo ad indagare su di lui fu, nel 1980, Giovanni Falcone. Faceva parte dei cosiddetti «scappati» negli Stati Uniti e poi tornati a Palermo nel corso degli anni.

Il brano, però, aveva detto Daniela Montalbano, non era stato scritto con l'intenzione di inneggiare all'attività criminale, ma perché Inzerillo sarebbe stata una persona a lei cara.

© Riproduzione riservata

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X