stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca «Non faceva il doppio lavoro», scagionato un professore dell'Università di Palermo
SENTENZA

«Non faceva il doppio lavoro», scagionato un professore dell'Università di Palermo

di
A Franzitta il Gup ridà i 63 mila euro che erano stati sequestrati: le consulenze sono compatibili con la docenza a tempo pieno

Non ci sarebbe stata alcuna truffa ai danni dell'Università e per questo motivo l'ingegnere Vincenzo Franzitta, 53 anni, professore a tempo pieno alla facoltà di Ingegneria, è stato prosciolto da ogni addebito ed è stato annullato il sequestro dei beni che era stato disposto nei suoi confronti. Lo scrive Fabio Geraci sul Giornale di Sicilia in edicola oggi.

L’accusa, infatti, non ha retto al vaglio del giudice per l’udienza preliminare, Simone Alecci, che ha chiuso il caso con un provvedimento di non luogo a procedere perché il fatto non sussiste, ordinando anche la restituzione al docente, difeso dall'avvocato Carlo Emma, di poco più di 63 mila euro che erano stati «congelati» nel 2019.

La vicenda, infatti, risale al dicembre di tre anni fa: l’inchiesta, che era nata nell’ambito di accertamenti per un presunto giro di false fatturazioni, coinvolgeva, tra le società sospette, anche la «Emar srl» che si occupa di costruzioni edili, formalmente intestata alla moglie di Franzitta.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X