stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Il Comune di Palermo fra uffici bloccati dagli hacker e sedi senza aria condizionata
PROTESTE DEI SINDACATI

Il Comune di Palermo fra uffici bloccati dagli hacker e sedi senza aria condizionata

Palermo, Cronaca
La sede del Comune di Palermo

A Palermo ci sono ancora uffici paralizzati dopo l’attacco hacker dello scorso 2 giugno ai danni del sistema informatico del Comune. Settori della polizia municipale sono parzialmente bloccati dopo il blackout informatico che ha messo fuori uso i computer dell’amministrazione comunale.

È il caso della polizia giudiziaria che prima dell’attacco aveva un canale diretto per comunicare le notizie di reato in procura. Negli ultimi giorni sono state protocollate quelle che riguardano provvedimenti urgenti da convalidare in tempi rapidi. Le altre notizie di reato dal primo giugno ad oggi sono ancora negli uffici del Comando della polizia municipale in attesa di ripristinare il collegamento telematico con la procura. Un’attività che sta impegnando la Sispi (partecipata del Comune che gestisce i servizi telematici) alle prese con la lenta ripresa.

Ci sono ancora numerose postazioni degli uffici anagrafe fuori uso e anche della Ragioneria. Non tutti i computer sono stati bonificati e attivati e non tutti possono essere ripristinati. Questo comporta tempi ancora più lunghi per il rilascio di documenti e di carte d’identità. In questi giorni c'è stato anche la difficoltà di potere comunicare la data di inizio lavori per le ristrutturazioni degli appartamenti.

L’hanno scritto nero su bianco i sindacati che hanno chiesto di conoscere quando tutti i dipendenti potranno tornare al lavoro. Molti hanno trovato i propri documenti pubblicati sul dark web e poi consultabili su internet. «Qualcuno - raccontano alcuni dipendenti - è stato già contattato da finanziarie e banche perché figurava tra i richiedenti prestiti e molti impiegati comunali hanno dovuto mandato una lettera sia alle banche che alle poste per chiedere di monitorare eventuali richieste e di essere informati se qualcuno si presenta in loro vece per accedere a prestiti».

C'è inoltre un problema che non dipende dall'azione degli hacker: l'aria condizionata fuori uso in tanti uffici comunali. Nicola Scaglione, segretario del Csa, ha già inviato diverse note agli uffici per ripristinare i condizionatori fuori uso che stanno creando non pochi problemi ai dipendenti comunali. «Ci sono uffici dove gli impianti di condizionamento non funzionano - dice Scaglione - e non possono essere ripristinati. I soldi in alcuni ci sono ma non possono essere utilizzati per problemi legati al bilancio. In questi giorni di gran caldo per i dipendenti è molto difficile lavorare in ambienti caldissimi. Problemi, di riflesso, anche per gli utenti. Gli uffici senz'aria condizionata sono il Polo tecnico dove si lavora fino alle 11 per disposizione del capo area, il Comando della polizia municipale, la Ragioneria generale, la Galleria d’arte moderna, la Biblioteca Comunale. «Servono interventi immediati perché altrimenti l’unica alternativa è la chiusura degli uffici e senza smart working, visto i problemi provocati dall’attacco hacker», conclude Scaglione.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X