stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca I falsi vaccini a Palermo, il richiamo obbligatorio fece lievitare i costi
IN EDICOLA

I falsi vaccini a Palermo, il richiamo obbligatorio fece lievitare i costi

coronavirus, Palermo, Cronaca
Un fermo immagine tratto da un video della polizia di Palermo

I costi delle vaccinazioni fantasma cresciuti perché non bastavano più le carte false dei green pass e nemmeno una finta prima dose. L’obbligatorietà del richiamo (all’epoca non si parlava ancora nemmeno di booster) aveva fatto cambiare i contorni dell’accordo che i no vax si sarebbero visti ritrattare da parte di Francesca Di Cesare, 53 anni, la segretaria finita venerdì assieme al medico in pensione Salvatore Pepe, di 73 anni, agli arresti domiciliari nell’ambito dell’ultimo filone dell’inchiesta della Digos di Palermo coordinata dal procuratore aggiunto Sergio Demontis e dal sostituto Felice De Benedittis.

Il servizio completo di Vincenzo Giannetto sul Giornale di Sicilia in edicola.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X