stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Palermo, in ospedale un'altra bambina di un anno e mezzo che ha assunto hashish
BUCCHERI LA FERLA

Palermo, in ospedale un'altra bambina di un anno e mezzo che ha assunto hashish

droga, Palermo, Cronaca
L'ospedale Buccheri La Ferla

Nuovo caso di bimbo piccolo trasportato in ospedale per aver ingerito droga. È accaduto a Palermo dove la scorsa notte, una coppia di genitori ha portato d'urgenza la figlia di un anno e mezzo al pronto soccorso del Buccheri La Ferla. Immediatamente i due hanno detto ai medici che probabilmente la figlia aveva ingerito dell'hashish e così i sanitari hanno immediatamente soccorso la piccola.

La piccola era giunta in gravi condizioni ma dopo l'intervento dei medici adesso sta meglio. I sanitari del Buccheri La Ferla hanno subito avvertito i carabinieri di Brancaccio, quartiere di residenza della famiglia, che hanno perquisito l'abitazione. All'interno è stata trovata sostanza stupefacente.

La procura per i minorenni ha già affidato la bambina al direttore sanitario dell'ospedale, in attesa di ulteriori approfondimenti. Si tratta dell'ennesimo caso del genere: negli ultimi mesi, c'è stata una crescita di episodi simili con bimbi piccolissimi trasportati in ospedale in gravissime condizioni per aver ingerito sostanza stupefacente.

Esattamente un mese fa un bambino di 18 mesi era stato ricoverato all’ospedale pediatrico "Di Cristina" di Palermo a causa di una overdose da sostanze stupefacenti. Le analisi effettuate hanno confermato la presenza di cannabinoidi. Il piccolo, arrivato al pronto soccorso in gravi condizioni, si era ripreso dopo l'intervento dei medici. Era anche risultato positivo al Covid e ricoverato al reparto di Malattie infettive.

Alla fine dello scorso anno erano state almeno sei le denunce dei sanitari che avevano fatto scattare le indagini. In alcuni casi, oltre all’intervento delle forze dell’ordine, è scattata anche la segnalazione ai servizi sociali con la possibilità di togliere i bambini alle famiglie d’origine per darli in affidamento e poi in adozione.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X