stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Fango nel Poma, si ferma il potabilizzatore Jato: acqua ridotta a Palermo e nei paesi costieri
MAPPA DEI DISAGI

Fango nel Poma, si ferma il potabilizzatore Jato: acqua ridotta a Palermo e nei paesi costieri

Anche per tutta la giornata di ieri è proseguita da parte dei tecnici dell’Aamap l’attività di monitoraggio della qualità dell’acqua in uscita dalla diga Poma. Si è riscontrato un ulteriore peggioramento della torbidità dell’acqua, che ha superato i 100.000 NTU (il valore massimo consentito per l'avvio agli impianti è 150).
Poiché nella tarda serata di ieri si è esaurita la riserva di circa 50.000 metri cubi di acqua del “vascone” utilizzato per le emergenza in prossimità del potabilizzatore Jato di Partinico, lo stesso impianto è stato del tutto fermato con la conseguente progressiva diminuzione, fino all’interruzione, dell’erogazione idrica tramite l’omonimo acquedotto.
Tramite operazioni di redistribuzione delle risorse attualmente disponibili, l’Amap sta assicurando in data odierna la fornitura idrica a tutti i Comuni della fascia costiera e a tutti i quartieri di Palermo, sia pure con portate ridotte, rendendo per il momento non necessario il ricorso al piano di emergenza con la turnazione, che potrebbe però rendersi irrinunciabile se la situazione non dovesse migliorare entro 36-48 ore.
Già dalla giornata di oggi si manifestano quindi cali di pressione nei distretti del capoluogo della fascia pedemontana (Villagrazia, Boccadifalco, Rocca, Calatafimi Alta, SS. Mediatrice, Molara, Borgo Nuovo e CEP) e nei distretti Calatafimi Bassa, Zisa, Noce-Uditore-Perpignano, Galletti-Bandita-Favara.
Analogamente, un calo di pressione si manifesta e si manifesterà nelle prossime ore in tutti i comuni della fascia costiera nord-occidentale (Capaci, Isola delle Femmine, Carini, Terrasini, e zone esterne di Trappeto e Balestrate) e della fascia sud-orientale (Villabate, Ficarazzi, Bagheria, Santa Flavia).
La rimodulazione delle portate idriche nei vari adduttori determinerà, altresì, inevitabili cali di pressione e ripercussioni nelle utenze e nei comuni serviti dal Canale di Scillato (Sciara e Casteldaccia).
"L'azienda è costantemente impegnata a monitorare la situazione - dichiara l'Amministratore unico di Amap Alessandro Di Martino - e nei necessari contatti con tutte le istituzioni coinvolte perché i disagi per i cittadini siano ridotti al minimo. Anche per questo, abbiamo avviato una interlocuzione con il Dipartimento Regionale Acqua e Rifiuti, gestore dell’invaso Poma, al fine di potere valutare eventuali manovre straordinarie che permettano di superare la criticità in corso."

Ogni ulteriore aggiornamento sulla situazione e sui provvedimenti adottati sarà disponibile sul sito www.amapspa.it ovvero telefonando al numero 091.279111 (risponditore automatico) o al numero verde 800-915333 (esclusivamente da telefono fisso).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X