stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Palermo, maltrattamenti all'Istituto geriatrico: l'accusa non regge, tutti assolti
SENTENZA

Palermo, maltrattamenti all'Istituto geriatrico: l'accusa non regge, tutti assolti

La seconda sezione del tribunale di Palermo presieduta da Stefania Gallì ha assolto Giuseppe Franchina, amministratore delegato e legale rappresentante e la figlia Valentina Franchina, amministratore e legale rappresentante dell’istituto geriatrico siciliano di via Messina Marine entrambi assistiti dall’avvocato Giuseppe Cincioni, e Dario Bruno, medico responsabile, specializzato in geriatria difeso dall’avvocato Massimo Motisi imputati dei reati di truffa aggravata e maltrattamenti perché il fatto non sussiste.

Secondo le indagini dei carabinieri del Nas nella struttura gli anziani malati di Alzheimer e Parkinson assistiti all’istituto geriatrico siciliano sarebbero stati legati e sedati. Secondo le indagini gli imputati avrebbero truffato l’Asp impiegando meno personale di quello previsto dalla convenzione. «Nel corso del dibattimento - dice l’avvocato Cincioni - è emerso chiaramente che quella è una struttura d’eccellenza che ha sempre garantito una gestione virtuosa nella cura dei pazienti».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X