stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Palermo, un'area del Foro Italico sarà intitolata a Gino Strada e alla moglie Teresa Sarti
L'OMAGGIO

Palermo, un'area del Foro Italico sarà intitolata a Gino Strada e alla moglie Teresa Sarti

In occasione del trigesimo dalla scomparsa di Gino Strada, l’amministrazione comunale di Palermo fa sapere di avere avviato l’iter di intitolazione di un’area del verde del Foro Italico, davanti al mare cittadino, a Strada e alla moglie Teresa Sarti, fondatori di Emergency. «L'esperienza di Gino e Teresa Strada - dice il sindaco Leoluca Orlando - è una lezione per tutti e un monito agli Stati indifferenti e molto spesso ostili alle fasce sociali e alle persone in precarie condizioni, esposte a sofferenze e alla morte».

Nel 2014 il primo cittadino ha conferito a Gino Strada la cittadinanza onoraria per il suo impegno e quello di Emergency nel mondo e anche a Palermo. Adesso, con l’intitolazione di un’intera area, in una zona che con il lungomare dedicato a Yasser Arafat, ha un grande valore simbolico, «si fa un ulteriore passo per rendere indelebile nella memoria dei palermitani l’impegno in difesa dei diritti umani di Gino e Teresa Strada».

«Una Città sa raccontarsi anche attraverso una trama diffusa di segni che ricordano storie individuali e collettive», afferma l’assessore Mario Zito. «L'avvio delle procedure per l’intitolazione di un’Area del Foro Italico a Teresa e Gino Strada - continua - intende mantenere sempre vivo il ricordo del loro impegno e quello dei volontari di Emergency che non si è fermato neppure davanti all’emergenza Covid-19. Teresa e Gino Strada ci raccontano di 'un mondo che dovrebbe essere così: chi ha bisogno va aiutato'. Il finale del loro racconto lo sceglierà ciascuno di noi con la promessa di raccogliere la loro visione per trasformarla in impegno e prassi quotidiana».

«È con gratitudine che accogliamo la notizia della decisione della città di Palermo di intitolare il Foro italico a Gino Strada e Teresa Sarti, co-fondatori di Emergency», dice Rossella Miccio, presidente di Emergency. «Alla città di Palermo - prosegue - siamo legati da molti anni: qui nel 2006 abbiamo aperto il nostro primo ambulatorio in Italia per curare chi era escluso dal Sistema sanitario nazionale. Quell'ambulatorio è stato il punto di partenza da cui abbiamo avviato il nostro impegno di cura nel nostro Paese. Ricordare chi si è tanto dedicato ai diritti umani è importante, ma deve essere un primo passo perché il Foro italico diventi un luogo di rispetto, accoglienza, solidarietà, valori che sono alla base dell’azione della nostra associazione in Italia e nel mondo».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X