stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Piantagione di marijuana a Palermo: arrestato 27enne, la moglie percepiva il reddito di cittadinanza
DROGA

Piantagione di marijuana a Palermo: arrestato 27enne, la moglie percepiva il reddito di cittadinanza

Un 27enne palermitano, incensurato, è stato arrestato dalla polizia per coltivazione di marijuana e furto di energia elettrica. L’arresto del giovane è collegato ad una complessa operazione di polizia giudiziaria che ha portato un’enorme coltivazione indoor di marijuana, nel quartiere Pagliarelli.

Già da qualche giorno gli agenti del Commissariato di polizia “Libertà” avevano ritenuto che meritasse attenzione un immobile, segnalato come meta sospetta di giovani provenienti dal quartiere Pagliarelli e da altri limitrofi. Gli agenti hanno notato tre uomini che, avvertita la presenza dei poliziotti, sono fuggiti: uno di questi è stato raggiunto e perquisito.

Dopo averlo arrestato, gli agenti si sono recati presso il casolare: al piano seminterrato, su una superficie pari a circa 600 metri quadri, è stata trovata una piantagione di marijuana composta da 891 piante. Trovati anche filtri in carbonio, voluminosi impianti di areazione, di essiccazione e di illuminazione, filtri, condizionatori e pompe di calore necessari a riprodurre il microclima propizio alla crescita del vegetale.

I tecnici, anche quelli dell’Enel, chiamati a coadiuvare i poliziotti nelle operazioni di sopralluogo, hanno stimato che il valore di impianti e dispositivi, elettronici e meccanici, si aggirasse sui 90 mila euro. Inoltre, è stato scoperto, interrato, l'allaccio abusivo (circa 300 metri la lunghezza del cavo) alla rete elettrica pubblica. Lo stupefacente, invece, se immesso nel mercato all’ingrosso della droga, avrebbe avuto un valore stimato sui 200 mila euro, cifra suscettibile di una crescita esponenziale (almeno del triplo) fosse stato venduto al dettaglio.

Indagini e riscontri, anche dal punto di vista catastale, sono in corso per risalire ai “lavoratori” o “gestori” della serra. Il provvedimento di arresto del giovane è stato convalidato dall’Autorità Giudiziaria che ha, contestualmente, revocato il beneficio economico del reddito di cittadinanza percepito dalla coniuge.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X