stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Bike sharing al collasso a Palermo, mezzi vandalizzati e rubati negli ultimi mesi
LA DENUNCIA

Bike sharing al collasso a Palermo, mezzi vandalizzati e rubati negli ultimi mesi

Bike sharing vandalizzato a Palermo e così trovare una bici, soprattutto funzionanti, diventa un'impresa. Da circa 8 mesi, come riporta Giancarlo Macaluso in un articolo del Giornale di Sicilia in edicola, le bici a noleggio dell’Amat in questi ultimi mesi sono oggetto di un violento attacco, come non si era mai registrato da quando, cinque anni fa, sono state istituite: ieri ce n’era una gettata in una scarpata del fiume Oreto, in via Messina Marine. "Stiamo avendo un momento di forte crisi perché non riusciamo a stare dietro alle vandalizzazioni che si registrano quotidianamente da circa 8 mesi a questa parte. Un’azione metodica, continua che sta sostanzialmente demolendo il servizio", ha dichiarato Domenico Caminiti, ingegnere, responsabile dei servizi speciali di mobilità dell’azienda di via Roccazzo.

Di 430 mezzi di cui è composta la flotta, ben 200 al momento sono inutilizzabili, mentre di 69 non si ha più notizia perché sottratti e mai più ritrovati. Per la prossima settimana l’azienda che fornisce i mezzi e li aggiusta ne fornirà ottanta ricondizionati, ma se il fenomeno delle vandalizzazioni non si ferma è chiaro che non si potrà mai recuperare. Intanto, l’azienda utilizzando il residuo di un vecchio finanziamento sta avviando una trattativa con una ditta per la fornitura di 85 bici a pedalata assistita.

L'articolo completo sull'edizione del Giornale di Sicilia in edicola

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X