stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Da Ragusa a Rosarno, il blitz di Partinico svela dove cresce l’erba dei clan di mafia
OPERAZIONE GORDIO

Da Ragusa a Rosarno, il blitz di Partinico svela dove cresce l’erba dei clan di mafia

Questione di metodo, affinato da anni di pratica, e di riservatezza perché certi nomi e certe facce erano sempre sotto il monitoraggio degli inquirenti.

Dietro agli investimenti che da Partinico avrebbero permesso di esportare le coltivazioni di cannabis praticamente in tutta la Sicilia ci sono fattori diversi ma le ramificazioni degli indagati erano arrivate lontano dal territorio dei Fardazza, ovvero i Vitale di Partinico.

Un business venuto a galla nel corso dell'operazione antimafia Gordio che ieri ha coinvolto 81 persone.

Una conferma - scrive Vincenzo Giannetto sul Giornale di Sicilia in edicola - che arriva nel corso di una serie di intercettazioni raccolte dagli investigatori.

Il 4 maggio 2018: Michele Vitale, 53 anni, riceve una telefonata alle 8,17 del mattino e a chi lo chiama ammette di «avere i c... gonfi» perché soltanto un paio di giorni prima era stata sequestrata una coltivazione di marijuana a Ragusa.

Retata di mafia a Partinico, nomi e foto degli arrestati

Un altro messaggio, ricevuto il mese prima, aveva permesso di ac- certare il suo coinvolgimento per l’utilizzo di terreni per la semina di una piantagione a Butera. Il cognato di Vitale, Salvatore Leggio, in rapporti con la famiglia calabrese dei Pesce «raccontava che la mattina i Pesce li avevano avvertiti che a Rosarno avevano notato movimenti sospetti».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X