stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Mafia, morto per Covid il boss di Campofelice Pietro Ippolito: fece la cresta su un'estorsione
AVEVA 60 ANNI

Mafia, morto per Covid il boss di Campofelice Pietro Ippolito: fece la cresta su un'estorsione

mafia, Pietro Ippolito, Palermo, Cronaca
Pietro Ippolito

È morto ieri all’ospedale Cimino di Termini Imerese, dove era stato ricoverato per Covid-19, Pietro Ippolito di 60 anni, presunto estorsore al soldo della famiglia mafiosa dei Farinella.

Come scrive Giuseppe Spallino sul Giornale di Sicilia in edicola, era stato prima arrestato e poi scarcerato nell’ambito dell’operazione "Alastra" del 30 giugno dell’anno scorso. Originario di Resuttano, nel Nisseno, negli ultimi anni si era trasferito a Campofelice di Roccella, dove aveva iniziato l’attività di imprenditore caseario.

In questo contesto si era avvicinato ai Farinella di San Mauro Castelverde, a disposizione per incassare i soldi del pizzo che la famiglia mafiosa aveva chiesto a un imprenditore edile di Castel di Lucio, nel Messinese. Ma dopo che la vittima aveva consegnato 20 mila euro, Ippolito, secondo gli investigatori, "aveva abusivamente trattenuto il denaro per sé senza farlo confluire nella cassa del sodalizio". Un'azione che aveva mandato in fibrillazione l’intera cosca.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X