stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Tunisino condannato per traffico di migranti muore in carcere a Termini Imerese, è giallo
RESIDENTE A MARSALA

Tunisino condannato per traffico di migranti muore in carcere a Termini Imerese, è giallo

migranti, termini imerese, Palermo, Trapani, Cronaca
Chiheb Hamrouni

Giallo sulla morte, nel carcere di Termini Imerese, di Chiheb Hamrouni, 29 anni, tunisino, residente a Marsala, tra i principali imputati nel processo scaturito dall’indagine "Scorpion Fish" (traffico di migranti e contrabbando di sigarette), portata a termine da Dda e Guardia di finanza il 6 giugno 2017.

Lo scorso 4 giugno, la seconda sezione della Corte d’assise d’appello di Palermo (presidente Angelo Pellino), confermandone la condanna, gli aveva ridotto la pena da 7 anni e 4 mesi di carcere a sei anni e mezzo più 116 euro di multa.

A divulgare la notizia della morte di Chibeb Hamrouni è stato il suo legale, Fabio Sammartano, del foro di Trapani, che dice: "La salma è stata posta sotto sequestro, a disposizione dell’autorità giudiziaria di Termini Imerese, il pm Giacomo Barbara, e verrà eseguita l’autopsia. La direzione del carcere ha avvisato questa mattina il difensore riferendo di un arresto cardiaco. Tuttavia gli stessi uffici hanno avvisato anche i familiari abitanti nel trapanese precisando loro di un’aggressione subita in cella con circostanze ancora da chiarire. Il detenuto - conclude il legale - aveva da poco reso importanti dichiarazioni nell’ambito di altre indagini della Dda palermitana in materia di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e contrabbando transnazionale di tabacchi lavorati esteri nell’ambito delle operazioni Scorpion fish 2 e Scorpion fish 3".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X