stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Palermo, sequestrati dispositivi di protezione e termometri a infrarossi non a norma
CORONAVIRUS

Palermo, sequestrati dispositivi di protezione e termometri a infrarossi non a norma

I finanzieri del Nucleo di polizia economico-finanziaria di Palermo hanno sequestrato 17.000 mascherine protettive classificate come DPI di III Categoria, 152 termometri infrarossi e 80 visiere protettive, in diversi empori e bazar a Palermo (zona corso Tukory) e in provincia (Partinico e Carini) gestiti da cittadini di etnia cinese.

Gli investigatori del Gruppo Tutela Mercato Beni e Servizi del Nucleo di polizia economico finanziaria delle Fiamme Gialle di Palermo, hanno notato presso 4 negozi gestiti da cinesi che le mascherine protettive, le visiere e i termometri erano stati posti in commercio "senza documentazione di conformità, titoli autorizzativi da parte dell’Ente valutativo (INAIL/ISS) e/o certificazione CE, in violazione delle disposizioni di cui alla normativa europea sulla sicurezza dei prodotti in materia di dispositivi di protezione individuale (D.Lgs. 475/1992) nonché delle disposizioni previste dal Codice del Consumo (D.Lgs. 206/2005), in quanto gli stessi erano commercializzati in assenza delle previste indicazioni al consumatore in lingua italiana".

Sono state elevate sanzioni amministrative quantificate, nel massimo, in circa 320 mila euro.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X