stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Covid, al via in Sicilia la donazione del plasma: occhio alle fake news sui social
L'INIZIATIVA

Covid, al via in Sicilia la donazione del plasma: occhio alle fake news sui social

coronavirus, Palermo, Cronaca

Al via in Sicilia la raccolta del plasma da pazienti guariti dal covid. Ma occhio alle fake news che girano sui social. Circola, infatti, in queste ore sui social network e su WhatsApp la notizia della ricerca di donatori di plasma per l'ospedale Policlinico di Palermo, nella quale sono indicati dei numeri di telefono da chiamare. La notizia è parzialmente errata: la donazione del plasma è possibile ma è consigliato contattare la struttura tramite mail. 

I cittadini risultati positivi al Sars-Cov-2, sia sintomatici sia asintomatici, possono infatti effettuare la donazione prenotandosi esclusivamente tramite invio mail a medicinatrasfusionale@policlinico.pa.it allegando copia del referto del tampone positivo, dei due tamponi negativi e di eventuale certificato di dimissioni, nel caso siano stati ricoverati a seguito della comparsa di sintomi.

Sarà il personale dell'ospedale a ricontattare telefonicamente gli interessati per l'appuntamento. Si invita a non diffondere ulteriormente i numeri di telefono interni dell'ospedale che sono destinati alle emergenze e il cui intasamento rende difficile il lavoro dei medici.

Centri per la raccolta del plasma in Sicilia

In Sicilia sono già otto i centri di raccolta del plasma per la cura del Coronavirus autorizzati dal Dipartimento attività sanitarie e osservatorio epidemiologico dell’assessorato regionale della Salute.

Possono donare quei cittadini guariti recentemente dal Covid-19 essendo ancora dotati di plasma iperimmune. Nell’Isola la cura con il plasma è stata somministrata di recente su alcuni pazienti della provincia etnea affetti da Covid-19.

In Sicilia i centri trasfusionali individuati e autorizzati alla raccolta del plasma sono il Policlinico Vittorio Emanuele e Arnas Garibaldi di Catania; il Policlinico Giaccone e Villa Sofia-Cervello a Palermo; il Papardo di Messina e le Asp di Ragusa, Trapani e Caltanissetta. A livello nazionale sono 80 i centri attualmente registrati ma soltanto 21 sono stati attivati e 14 dei quali stanno arruolando pazienti.

L’azienda ospedaliera Villa Sofia-Cervello di Palermo si è aggiunta in queste ultime ore ai centri siciliani autorizzati, dal Dipartimento attività sanitarie e osservatorio epidemiologico (Dasoe) dell’assessorato Regionale della Salute, alla raccolta del plasma per la cura del Coronavirus.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X