stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Attentato a Di Matteo, ecco il piano di Messina Denaro secondo il pentito Geraci
MAFIA

Attentato a Di Matteo, ecco il piano di Messina Denaro secondo il pentito Geraci

mafia, Alfredo Geraci, Matteo Messina Denaro, Nino Di Matteo, Palermo, Cronaca
Nino Di Matteo

«Alessandro D’Ambrogio ci ha raccontato, a una cena della trattoria del Diavolo, dove eravamo io, Nino Ciresi e Antonino Seranella, di una riunione in cui si discorreva dell’attentato al procuratore Di Matteo, richiesto in una lettera arrivata da Matteo Messina Denaro, e che (Girolamo, ndr) Biondino gli aveva fatto leggere. D’Ambrogio diceva di essere scettico sulla effettiva provenienza di tale lettera e di non concordare su tale attentato, in particolare affermando: 'Se vuole l’attentato perchè non viene lui a dircelo?'». Così il nuovo pentito Alfredo Geraci racconta cosa sarebbe avvenuto dopo la riunione tenuta nel dicembre 2012, in cui i capimafia di Palermo avrebbero parlato del progetto di uccidere il pm Nino Di Matteo: episodio già raccontato dal collaborante Vito Galatolo e che adesso Geraci indirettamente conferma.

Geraci, 41 anni, ex rapinatore e pregiudicato, era stato reclutato nel mandamento di Porta Nuova a Palermo per la crescente carenza di «materiale umano» a disposizione delle cosche e di Alessandro D’Ambrogio, considerato il capo della famiglia di Ballarò e uomo forte dell’intero territorio.

 

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

I più letti
Oggi
  • Oggi
  • Settimana
  • Mese
X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X