stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Palermo, così la mafia reclutava i cantanti per la festa della patrona al Borgo Vecchio
LE INDAGINI

Palermo, così la mafia reclutava i cantanti per la festa della patrona al Borgo Vecchio

Celebrazioni religiose e feste patronali controllate dalla mafia. L'ingerenza dei boss negli eventi di quartiere emerge anche dall'ultima inchiesta che ha portato all'arresto di 20 persone al Borgo Vecchio.

I carabinieri hanno scoperto che per la festa della patrona Madre Sant'Anna, Cosa nostra aveva il monopolio dell'organizzazione delle serate musicali animate dalle esibizioni di alcuni cantanti neomelodici.

Secondo le indagini, i mafiosi sceglievano e ingaggiavano i musicisti e, attraverso "riffe" settimanali, raccoglievano tra i commercianti le somme di denaro necessarie per lo spettacolo. Il denaro che restava finiva nella cassa della famiglia mafiosa ed era usato per il mantenimento in carcere dei mafiosi detenuti e per investimenti illegali.

Oltre alla scelta dei cantanti e al loro ingaggio il clan curava le sponsorizzazioni dei commercianti e autorizzava gli ambulanti a vendere la merce durante la festa, regolandone anche la posizione nelle strade del rione.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X