stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Grave dopo un tuffo all'Acquapark di Monreale: operato il 26enne, la dinamica dell'incidente
PALERMO

Grave dopo un tuffo all'Acquapark di Monreale: operato il 26enne, la dinamica dell'incidente

Palermo, Cronaca
L'Acquapark di Monreale - Archivio

Restano gravi le condizioni di G.A, il 26enne palermitano che ieri pomeriggio ha battuto la testa dopo un tuffo all'Acquapark di Monreale. Il giovane ha riportato fratture cervicali e un trauma cranico. Sull'episodio stanno indagando i carabinieri della compagnia di Monreale.

Il giovane aveva raggiunto il parco acquatico nella mattinata di ieri insieme ad un gruppo di palermitani. A riferire la dinamica dell'incidente è stato il titolare della struttura. Da quanto appreso, prima dell'incidente, il 26enne si trovava, insieme ai suoi amici, sul pallone gonfiabile, uno dei giochi che in questo periodo sono più frequentati. Invece di scivolare utilizzando la corda a disposizione, unico modo consentito per fruire del gioco, sembra che il ragazzo si sia tuffato di testa, nonostante i bagnini avessero più volte redarguito il gruppo per farlo scendere. Il 26enne, tuffandosi, ha battuto violentemente la testa. In quel punto, infatti, l'acqua è alta solamente 90 centimetri e dalla cima del pallone c'è un dislivello di circa quattro metri.

Dopo l'incidente, il ragazzo è stato portato all'ospedale Ingrassia di Palermo, dove è stato ricoverato nel reparto di rianimazione. Qualche ora dopo è stato trasferito a Villa Sofia e spostato in Neurorianimazione. Secondo quanto riferiscono i medici, il giovane presentava diverse fratture cervicali e la sua situazione è ancora molto delicata. Il ragazzo è stato sottoposto ad un intervento chirurgico di stabilizzazione delle vertebre. La prognosi rimane riservata.

Sull'episodio stanno indagando i carabinieri della compagnia di Monreale, che hanno già visionato le immagini registrate dalle telecamere di sicurezza dell'impianto. Da queste sembra che quelle di tuffarsi sia stata una scelta del ragazzo. Anche chi ha assistito all'incidente, avvenuto pochi minuti prima delle 16, ha parlato di una "bravata".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X