stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Antimafia, parcella da 120 milioni per i 4 amministratori giudiziari dell'Italgas
PALERMO

Antimafia, parcella da 120 milioni per i 4 amministratori giudiziari dell'Italgas

Centoventi milioni, centesimo più, centesimo meno. Per un solo anno di lavoro, da luglio 2014 a luglio 2015. I quattro ormai ex amministratori giudiziari dell’Italgas, come scrive Riccardo Arena sul Giornale di Sicilia in edicola, ora presentano il conto. Un conto salato, salatissimo, che potrebbe portare a ciascuno di loro 30 milioni, da porre a carico dell’Erario.

L’Italgas è una azienda-colosso nel campo dell’energia che fu sottoposta dalla sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Palermo, presieduta da Silvana Saguto, a una procedura - poi revocata in appello - di sostanziale ripulitura da incrostazioni e infiltrazioni mafiose. Provocate dalla presenza negli appalti di aziende del gruppo degli imprenditori di Belmonte Mezzagno Cavallotti, sottoposti nei primissimi anni Duemila a una confisca per la loro pericolosità sociale, sebbene assolti in campo penale.

L’amministrazione giudiziaria durò dodici mesi e venne affidata all’avvocato palermitano Andrea Aiello, all’ingegnere agrigentino Sergio Caramazza, al docente universitario della Scuola Sant’Anna di Pisa Marco Frey e al commercialista milanese Luigi Saporito. Nel luglio 2015 l’Italgas fu poi sottoposta per tre anni al controllo giudiziario.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X