stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Mafia, il pm Paci: "Messina Denaro per Riina era 'luce degli occhi'"
CALTANISSETTA

Mafia, il pm Paci: "Messina Denaro per Riina era 'luce degli occhi'"

mafia, Palermo, Cronaca
L'identikit di Matteo Messina Denaro

«Nel pieno del processo sulla trattativa, Totò Riina è inferocito. Si lamenta di Matteo Messina Denaro, che definisce un ragazzino che si è messo a prendere soldi, si interessa di sé stesso e non delle questioni. 'Se ci fosse suo padre, che era un bravo cristiano che mi dava a suo figlio per farne quello che dovevo fare...'». A ricostruire il rapporto tra il capo dei capi di Cosa nostra e il superlatitante è il pm Gabriele Paci nella requisitoria per il processo, a Caltanissetta, a Matteo Messina Denaro, accusato di essere uno dei mandanti degli attentati di Capaci e via D’Amelio.

«Brusca fornisce una indicazione fondamentale - ha continuato - Siamo alla fine del '92. Riina gli fa una confidenza e gli dice 'Guarda che se mi succede qualcosa, i picciotti Giuseppe Graviano e Matteo sanno tuttò».

Paci ha sottolineato più volte che Riina parlava di Messina Denaro come «la luce dei suoi occhi» e ha concluso: «Il padre lo aveva messo nelle sue mani. 'E io l’ho fatto buonò, diceva Riina, ricordando questo mafioso che gli era cresciuto sulle ginocchia». (ANSA).

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X