stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Operazione "Sorella sanità", in silenzio 10 arrestati a Palermo
GDF

Operazione "Sorella sanità", in silenzio 10 arrestati a Palermo

Si sono tutti avvalsi della facoltà di non rispondere, davanti al Gup di Palermo Claudia Rosini, i dieci arrestati dell’operazione della Guardia di Finanza «Sorella sanità», sul condizionamento degli appalti da 600 milioni per la fornitura di servizi agli ospedali e alle aziende sanitarie siciliane.

Dopo Fabio Damiani e Salvatore Manganaro, che sono in carcere, e dopo Antonino Candela, Giuseppe Taibbi, Angelo Montisanti, Crescenzo De Stasio (detto Salvatore), tutti ai domiciliari, a decidere di non rispondere agli interrogatori di garanzia sono stati pure gli imprenditori Francesco Zanzi, Roberto Satta, Ivan Turola e Salvatore Navarra.

Anche gli ultimi quattro sono ai domiciliari da giovedì della scorsa settimana. Il pool coordinato dal procuratore aggiunto Sergio Demontis, con i pm Giacomo Brandini e Giovanni Antoci, ha già fatto «appello» al tribunale del riesame per ottenere il carcere per gli otto ai domiciliari, per altri cinque indagati attualmente liberi e gli arresti in casa per tre persone, fra cui il deputato regionale dei Popolari e Autonomisti Carmelo Pullara, indagato a piede libero.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X