stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Palermo, ancora un sequestro per l'imprenditore Gammicchia: "Nelle sue imprese soldi della mafia"
AUTO

Palermo, ancora un sequestro per l'imprenditore Gammicchia: "Nelle sue imprese soldi della mafia"

mafia, sequestri, Palermo, Cronaca
Il centro revisione auto di Gammicchia

Ancora un sequestro da parte della guardia di finanza nei confronti di Vincenzo Gammicchia, 72 anni, noto imprenditore palermitano nel settore della vendita ed assistenza di pneumatici, che già lo scorso novembre era stato destinatario di un altro provvedimento per circa 17 milioni.

Questa volta, nel mirino finisce il Consorzio per la revisione dei veicoli. Il sequestro, emesso dal Tribunale di Palermo - Sezione Misure di Prevenzione – e che colpisce anche conti correnti, è un ulteriore duro colpo all'imprenditore  ritenuto “contiguo” alla criminalità organizzata alla luce delle dichiarazioni rese, nel corso degli anni, da numerosi collaboratori di giustizia secondo cui avrebbe impiegato nelle sue attività commerciali risorse di provenienza illecita delle famiglie mafiose dei Galatolo e dei Fontana.

Dalle indagini sul Consorzio, di cui Gammicchia e suoi familiari detenevano formalmente quote societarie, è emerso che nei fatti l’azienda era interamente riconducibile all'imprenditore. Per questo il Tribunale di Palermo - Sezione Misure di Prevenzione - ha sottoposto a sequestro l’intero capitale sociale e il complesso dei beni aziendali, che già a novembre era stato in parte colpito dal precedente provvedimento, ma anche rapporti bancari e polizze di investimento, per un valore totale di oltre 2 milioni di euro.

Tutte le imprese sequestrare proseguono regolarmente la loro attività e sono affidate a un amministratore giudiziario che le gestisce.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X