stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Palermo, nessuno paga i rifiuti in trasferta: rischio aumento della Tari
GDS IN EDICOLA

Palermo, nessuno paga i rifiuti in trasferta: rischio aumento della Tari

La Rap stacca le fatture del trasporto dei rifiuti fuori città e le vuole inviare al Comune di Palermo, ma la risposta sembra una sola: giratele alla Regione. E così la questione infiamma questo fine anno, come si legge sul Giornale di Sicilia in edicola oggi, in un articolo a firma di Giancarlo Macaluso.

Torna d'attualità il problema della crisi della discarica di Bellolampo che ha esaurito la capienza della sesta vasca di raccolta e costringe la Rap, gestore del servizio, a spedire i camion fra Motta Sant'Anastasia, Lentini e Alcamo. Ma ogni giorno di viaggio fuori porta dei rifiuti palermitani non sono certo gratis.

Dall'azienda di igiene ambientale hanno scritto che stanno procedendo con la fatturazione elettronica fino alla concorrenza di 9,7 milioni, inviandola al settore Ambiente, per essere liquidati, ma è tutto fermo. E per il 2020 la situazione potrebbe peggiorare: dal prossimo gennaio serviranno circa 30 milioni di euro, e l'unica strada sensata sembrerebbe quella di aumentare la Tari. Scelta rischiosa, che il sindaco Orlando vuole evitare.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X