stampa
Dimensione testo
SAN GIUSEPPE JATO

Avvelenato, salvato dai passanti ma poi rapito: giallo sul cane adottato dal Comune

di
animali, Palermo, Cronaca
Il cane salvato a San Giuseppe Jato

È stato ritrovato ieri mattina a San Giuseppe Jato in preda a crisi di avvelenamento.  Qualcuno ha tentato di ucciderlo, senza però riuscirci, perché è stato soccorso, curato e salvato. Oggi, però, il cane adottato dal Comune è sparito. Probabilmente qualcuno lo ha portato via e nessuno in paese riesce a spiegarsi perché.

Ieri alcuni ragazzi ragazzi lo avevano trovato agonizzante. Subito lo avevano soccorso dandogli assistenza a proprie spese per poi portarlo a Partinico dove ha ricevuto le cure di un veterinario che lo ha salvato e dichiarato fuori pericolo.

Gli è stato inserito il microchip a nome del Comune che così lo ha ufficialmente adottato. Una volta dimesso, il cagnolino è stato accompagnato nei locali della Casa del Fanciullo, protetto da pioggia e freddo, apparentemente al sicuro perchè il cancello come sempre è stato chiuso con una corda. Stamattina però la scoperta: il cane non c’era, nonostante le porte fossero chiuse.

I giovani che lo hanno salvato, ma anche il sindaco Rosario Agostaro adesso si chiedono cosa sia successo e temono che qualcuno lo abbia portato via, unica spiegazione possibile in questo momento. Anche la polizia municipale ha avviato le ricerche del cane che però non hanno dato alcun esito. Il Comune, che da ieri era il nuovo padrone del trovatello, sporgerà denuncia contro ignoti. Il sindaco Rosario Agostaro commenta: “Il cane è stato salvato e per questo ringrazio tutti quelli che autotassandosi lo hanno assistito e curato. Stiamo cercando di capire . Coloro che lo ha portato via sappiano che ci sono delle responsabilità per questo gesto, perché sono entrati in un luogo privato e di fatto hanno commesso un furto”.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X