stampa
Dimensione testo
DA GDS IN EDICOLA

Mafia a Brancaccio: in carcere il "battesimo" dei fratelli Marino, ma non tutti erano d'accordo

mafia, Michele Marino, Stefano Marino, Palermo, Cronaca
Il boss Stefano Marino

L'affiliazione alla mafia è avvenuta dentro il carcere: i due fratelli Stefano e Michele Marino, arrestati pochi giorni fa, erano stati infilati sotto le docce del carcere e affiliati davanti ai tanti uomini d'onore a mettere il sigillo di Cosa nostra sul rito "della Santina".

Un'affiliazione che, come riporta Connie Transirico in un articolo del Giornale di Sicilia in edicola, non era proprio piaciuta a tutti.

Tutto ciò è emerso nell'ultima inchiesta della squadra mobile e a svelare la "cerimonia" conclusa con la classica "puncitina" è Antonino Pipitone.

Mafia di Brancaccio, chi sono i 9 fermati a Palermo: nomi e foto

Le intercettazioni hanno evidenziato come i lunghi periodi in cui i due sono stati in carcere non abbiano reciso il loro legame con l'organizzazione mafiosa accrescendone, invece, il prestigio.

L'articolo completo nell'edizione del Giornale di Sicilia in edicola

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X